Appena accendo questo sigaro mi rendo conto che sono al cospetto di una eccellente realizzazione. Bastano pochi puff per capirlo realmente? Per me sì, anche se molti di voi probabilmente non saranno minimamente d’accordo con me. Poco male.

Detto questo mi concentro sulla fumata. L’ingresso è straordinario e completamente gratuito. Un bengodi di note dolci e sciroppate avvolge il palato, con una notevole intensità di corpo e elegante pepe al naso.

Ricco, complesso e bilanciato. Se questa è la partenza non oso pensare a come sia il resto! Comincia a strutturarsi su note bellissime di cacao, ciliege nere, caffelatte, spezie varie e uno zic di caramello.

L’aspetto che più mi intriga è la decisa texture sciroppata e densa, quasi masticabile. Se questo è il primo blend di Saka non posso che complimentarmi e omaggiarlo togliendomi un cappello virtuale.

Il gioco al momento viene retto dal contrasto tra la componente pepata e la straordinaria dolcezza. Un mix intrigante che delizia è stupisce allo stesso tempo, per non parlare della perfetta costruzione del sigaro.

Onestamente trovo sia uno dei migliori approcci al mondo full body. Questo Sobremesa Cervantes Finos ha vangate di aromi e sapori conservando però una facilità di approccio che non è facile da raggiungere.

Ancora prima di raggiungere la parte centrale della fumata costruisce la sua espressività sensoriale, note eleganti di legno, terra e spezie in sottofondo, il tutto condito da cucchiaiate di caffelatte e note dolci. Difficile non amare un simile blend.

Mi perdo nelle sue nuance aromatiche, al posto di annotare ciò che avverto preferisco godermi il momento e questo forse è il complimento migliore che possa fare a un sigaro.

Onestamente non mi sarei mai aspettato che in un CEO di un’azienda, anche se stiamo parlando della Drew Estate, ci fosse una tale competenza, conoscenza dei tabacchi e vicinanza ai gusti di noi fumatori da generare un simile blend. Chapeau.

La fumata prosegue con una armonia e eleganza straordinarie, non vi sono altre transizioni o cambi di registro ma un’infinita piacevolezza in cui il semplice etichettare ciò che avverto a note aromatiche semplicemente la sminuirebbe.

Ora qualche “spigolatura” – La Dunbarton Tobacco & Trust è una partnership tra Saka e sua moglie Cindy (p.s. mai farlo!) e prende il nome dalla città dove vivono nello New Hampshire. In una intervista per Cigar Aficionado lo stesso Saka affermò: “la parola Trust deriva dal fallito tentativo di acquistare una vecchia banca come sede del quartier generale del brand. Sobremesa invece è un omaggio all’aspetto che più amo del fumare sigari, spendere del tempo dopocena con familiari e amici, godendo del momento, dell’amicizia, della conversazione, del bere e del fumare un buon sigaro”. Ecco il Sobremesa incarna tutto questo e lo eleva alla massima potenza. Ve lo assicuro!

Ma ha qualche difetto? Si, la combustione che richiede qualche correzione. Nulla di trascendentale comunque.

Nella parte centrale, al bengodi sopracitato si aggiunge una sfumatura tostata che aggiunge valore alla già alta piacevolezza sensoriale. Nulla viene perso sul fronte equilibrio e armonia, inoltre la permanenza post boccata è mirabilmente lunga.

Un sigaro a cui non serve nessun tipo di accompagnamento, nessun drink, nessuna bevanda indice di un perfetto equilibrio della sua risposta sensoriale. Adoro questa tipologia di sigari, sono perfetti anche per situazioni al di fuori del solito cliché che prevede di essere sprofondati alla Fantozzi in una comoda poltrona sorseggiando un alcolico.

Le spezie lentamente conquistano il palcoscenico e la dolcezza alla ciliegia, al caffelatte e al cacao diminuisce spostandosi in sottofondo. Tutto è più maschio adesso ma magicamente la piacevolezza globale sembra non risentirne.

Emerge ora decisa una nota di caffè mentre latente avverto delle sfumature agrumate che assieme cancellano definitivamente la suadente dolcezza che tanto mi aveva intrigato. Detto così sembra qualcosa di negativo, in realtà trovo sia una strada normalissima da imboccare per un sigaro di tale intensità tanto più che siamo nella parte finale della fumata.

Sottotono a mio avviso la chiusura di fumata, rispetto ovviamente a quanto offerto prima. Questo impietoso confronto ovviamente tende a penalizzare più del dovuto questa fase ma se faccio mente locale a quanto è avvenuto, a quanto piacere mi ha regalato non posso che perdonare il piccolo cedimento che sta affrontando. Ragioniamo: il 95% della fumata è stata puro godimento, il 5% solo buono… machissenefrega!

Un blend di assoluto rilievo e assolutamente da provare.

Nicaragua

Nicaragua

IL VERDETTO - ECCELLENTE (EXCELLENT)

ECCELLENTE

MEDIUM-FULL

MEDIUM-FULL

RING GAUGE 46

LUNGHEZZA (inch)

MANIFATTURA - FACTORY

Fabrica de Tabacos Joya de Nicaragua S.A.

FASCIA - WRAPPER

La Meca Ecuador Habano #1 Rosado

SOTTOFASCIA - BINDER

Matacapan Negro de Temporal

RIPIENO - FILLER

Nicaraguan Gk Condega C-SG Seco

Nicaraguan Pueblo Nuevo Criollo Viso

Nicaraguan La Joya Esteli C-98 Viso

Nicaraguan ASP Esteli Hybrid Ligero

USA Lancaster County Broadleaf Ligero

Se ti è piaciuto questo post condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un'operazione da cervelloni dell'MIT, non porterà via troppo tempo, è facile e non costa nulla, ma certamente mi aiuta a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn't require an MIT brain, it's fast, easy and free but it helps me to grow my audience.

Pin It on Pinterest