2017

Ashton VSG Wizard

Ashton VSG Wizard
Rep-Dominicana

Rep. Dominicana

MEDIUM-FULL body

Intensità MEDIUM-FULL

Costo medio alto

Costo medio alto**

**medio alto: da 10 a 15€

Ring Gauge 56

RING GAUGE 56

Complessità Medio Alta

Complessità Medio Alta

Fumata di Media durata

Fumata di Media durata*

*media: 60 - 90 min

Lunghezza

  • 6″ / 152 mm

Anatomia

Fascia Ecuador Sumatra
Sottofascia Rep. Dominicana
Ripieno Rep. Dominicana

 

Valutazione

MOLTO BUONO

MOLTO BUONO

La fumata

Ho sempre avuto un debole per questa storica linea di Ashton, anche se non la frequento così spesso come vorrei. Un debole perchè rappresentano il più puro e ben riuscito esempio di anima dark Dominicana, un’anima “bold” come ve ne sono poche.

Sono perfino precursori della generazione di sigari figli di un trend che ora sta perdendo terreno, quello dei sigari votati all’intensità e alla forza. I VSG lo fanno egregiamente ma allo stesso tempo sposano queste caratteristiche con l’eleganza e la morbidezza che da sempre contraddistinguono i migliori sigari Dominicani.

Se penso inoltre che furono presentati, se non ricordo male, nel lontano 1999 devo ammettere che Ashton, assieme alla Arturo Fuente che li realizza, hanno creato un piccolo capolavoro che non risente del tempo o delle mode.

Sfruguglio su Internet e arrivo al sito di Ashton. Ecco come li descrivono:

una linea storica con una foglia da fascia coltivata in esclusiva per Ashton nel nuvoloso Ecuador da sementi Sumatra. Gli Ashton Virgin Sun Grown racchiudono tabacchi dominicani sapientemente invecchiati dai 4 ai 5 anni per una fumata definita dalla stessa Ashton “bold”

e porca puttenola hanno ragione!

VSG Wizard

Il VSG Wizard è in assoluto il più ciccione (largo) della famiglia ma ha anche un altra peculiarità, è uno dei pochi sigari non box-pressed della linea.

Pur apprezzando formati come i Double Toro non sono realmente amante dei grossi calibri, e il Wizard è un classico esempio del perchè. La meravigliosa espressività e l’intensità di corpo che ci si aspetta da un VSG qui sono differenti e più addomesticati, il RG di 56 ha un suo impatto ed è inutile nasconderlo.

Intendiamoci è pur sempre un VSG, ovvero una fumata stupenda, ma il suo essere “medium” gli impedisce di essere aromaticamente intenso, complesso e definito nella sua espressività al pari dei suoi fratelli più smilzi. Va apprezzato per quello che è e per il piacere che regala, non per la sua complessità o intensità aromatica.

Sono in leggera difficoltà. Avrebbe infatti poco senso, a mio personale avviso, raccontare ogni singolo dettaglio (non molti) della sua fumata perchè ne uscirebbe ingiustamente sminuito e sarebbe un peccato, un crimine bello e buono.

Va capito, decifrato e apprezzato per quello che sa dare e non per quello che non riesce a dare.

Dalla partenza tonica e all’insegna di una discreta componente pepata in retroinalazione, in puro stile Virgin Sun Grown, sviluppa ben presto una sorprendente dolcezza adagiata su un sottofondo affumicato, su spezie appena accennate, essenze di legno e bacche alpine.

Imbocca un suo personale percorso, una sua lenta ma inesorabile evoluzione che nella parte centrale vede la dolcezza e le spezie attenuarsi, l’emergere delle note di legno e di noce per poi arrivare ad una chiusura all’insegna del caffè, della liquirizia e dell’anice.

Scritto così sembra veramente misero ma è nei suoi elementi non del tutto elencati, più nascosti e meno appariscenti che questo sigaro eccelle. Ecco la sua chiave di lettura, ogni sigaro ne ha una, indubbiamente nascosta ma che può essere trovata e apprezzata.

Ma quali sono questi elementi?

La dolcezza sicuramente, che regge sapientemente tutta la prima parte della fumata e molto del resto, ma anche l’interazione della dolcezza con le spezie al palato per un piacere sopraffino, morbido, con momenti di eleganza e profondità.

Non è il solito VSG a cui sono abituato e questa sua personalità non lo rende un sigaro da meditazione, da serate solitarie, ma lo rende altresì perfetto per quelle in compagnia o dedicate ad una buona lettura.

Lui vi asseconderà e delizierà senza chiedere nulla in cambio. Non ha bisogno di dedizione o concentrazione, è limpido e cristallino nel suo racconto e anche di facile comprensione.

Il rovescio della medaglia è che forse risulta più sottile e attenuato del dovuto nella sua espressività, anche lento e per certi versi disarmante nel suo incedere, ma indubbiamente di gran soddisfazione e goduria palatale.

Ashton VSG Wizard

ALTRI SIGARI DI

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pin It on Pinterest

Share This

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi