Giuseppe Stucchi

Fumatore seriale, Facebook

Sono veramente pigro, sarà l’età, ma quando fumo mi piace rilassarmi, ascoltare buona musica, leggere un buon libro, discorrere con un amico e il dovermi concentrare per una degustazione richiede un impegno e un’ attenzione che non sempre ho voglia di dare.

Stasera ho preso dall’umidor questo sigaro, dono di un carissimo amico al quale va il mio ringraziamento, ma durante la fumata mi sono reso conto che meritava di essere raccontato.

La fattura del sigaro alla vista è stimolante, la fascia è di un bel colore marrone intenso, leggermente ruvida e oleosa. Al piede a crudo si denotano aromi di nocciola e leggero pepe. All’accensione sin dai primi puff, contrariamente a quanto ci si può aspettare visto i tabacchi del blend, si sente al naso un pepe nero pieno ma non invadente, supportato al palato da morbidi aromi dove spiccano la frutta secca e le spezie fruttate, subito dopo si aggiunge una dolcezza cremosa e intrigante che si bilancia alla perfezione con gli aromi precedenti, la fumata si sta facendo veramente interessante, l’armonia complessiva, espressa fin da subito, è una vera goduria, il fumo è denso e grasso, riempie la bocca, carezza il palato e le vie retronasali lasciando piacevoli e persistenti sentori di nocciola tostata e crema di caffè.

La forza espressa è media ma l’intensità e il corpo sono notevoli. Il bilanciamento tra sapori e aromi è quasi perfetta. Fatto salva la dolcezza, che è una costante che caratterizza tutta la fumata, sono il gioco continuo e sempre vario dato dalle spezie, il caffè, la frutta secca a guscio, le venature caramellate, la tostatura, il pepe e le punte selvatiche animali (la mitica Tetta di Mucca che tanto piace ad Andrea Zambiasi) a scandire l’evoluzione del sigaro. È una goduria continua che ti sorprende sempre per tutta la fumata. Neanche nel finale si scompone, e benché si denoti un aumento della forza, a bilanciare il tutto aumenta pure la percezione degli aromi che si fanno piu intensi. Decisamente una fumata che finisce così come è iniziata: un vero godimento.

Un sigaro che consiglio a chiunque di fumare, anche ai meno esperti, un blend, a mio parere azzeccatissimo, che esprime una dolcezza e una varietà di spezie e aromi talmente bilanciati che si può gustare in qualsiasi momento. Nonostante esprima una notevole complessità, è talmente buono che può essere compreso, fumato e apprezzato da chiunque.

Ergo: un sigaro da eccellenza piena.

San Cristobal Quintessence Epicure

Nicaragua

Nicaragua

IL VERDETTO - ECCELLENTE (EXCELLENT)
  • Medium full

Ring Gauge

Pollici

MANIFATTURA - FACTORY

My Father Cigars S.A.

FASCIA - WRAPPER

Ecuador Habano

SOTTOFASCIA - BINDER

Nicaragua

RIPIENO - FILLER

Nicaragua

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.

Pin It on Pinterest