Plasencia Reserva Original Nestico

Posted On 29/11/2018

Durante la mia lunga militanza nel comparto Cubano prediligevo fumare sigari di piccolo formato, come il mareva o il minuto, dove per la verità esistono o esistevano delle vere e proprie perle rare spesso sottovalutate. Ricordo come fosse oggi il Bolivar Petit Coronas, il Bolivar Coronas Junior, l’H. Upmann No.4 o il Punch Royal Selection No.12 la cui qualità era inversamente proporzionale alle dimensioni ovvero alta.

Poco importava comunque della loro qualità perchè in qualsiasi occasione li si fosse accesi, come presso lo storico ex Cigair di Andrea Molinari o alla Casa del Habano di Milano gestita allora da Bailini, si veniva inesorabilmente inquadrati come “neofiti” o “poco esperti” e guardati con sufficienza e compassione. Il perchè è presto detto, quei sigari erano e sono considerati di serie B anche perchè a cuba sono i formati su cui si fanno le ossa purtroppo i torcedor alle prime armi. L’ESPERTO, ma di quelli veri verissimi intendo doveva invece sfoggiare i “big” ovvero i sigari di formato maggiore, e più grossi e lunghi erano, più alto era il loro livello di conoscenza.

Risultato? Ero circondato da una marea di pirla con in bocca dei cetrioli inverecondi, dietro ai quali ti strizzavano l’occhio come a dire… vedi? vedi cosa fumano gli esperti, i veri appassionati e conoscitori dei sigari? Mica quella roba che stai fumando tu. Spesso però non ne capivano una beata fava di sigari, e le loro conoscenze si limitavano a stereotipati concetti figli di una becera informazione. Come allora anche oggi mi vien da dire… ma andatevene a cagare!

I formati piccoli invece, come questo Plasencia Reserva Original Nestico, hanno una loro ragion d’essere e la loro qualità produttiva è alla pari con i formati più blasonati. Servono per fumate di qualità quando il tempo a disposizione è poco, ma non si vuole perdere l’occasione di godersi una signora fumata. Ecco in questi frangenti brillano di luce propria, come è giusto che sia, meritandosi uno spazio nello humidor di un serio appassionato.

I Plasencia Reserva Original hanno subito recentemente un drastico restyling e un cambio di nome, infatti erano conosciuti come Reserva Origanica per la coltivazione biologica dei tabacchi che li compongono e per cui Plasencia è divenuto famoso. Il nuovo look dona loro una certa classe ed eleganza, che prima mancava, ed il loro impatto estetico è sicuramente di più alto livello. Il blend comunque non ha subito modifiche di sorta, a detta del produttore, e se ve ne sono non ne sono a conoscenza.

La qualità di cui accennavo prima si evince perfettamente nella disamina a crudo, dove nuance menta e lievi note speziate deliziano l’olfatto. Una volta acceso questo sigarino parte elegante su note esotiche di legno, nocciola, spezie balsamiche e lieve pepe al naso. A contorno però avverto già note di pane e una lieve sfumatura affumicata.

Risulta piacevolmente dolce, morbido ed elegante, perfino quando struttura la sua espressività su complesse note speziate, complesse per un formato così piccolo. La prima parte gioca tutto proprio su questo, senza mezzi termini o incertezze mentre il fumo si ispessisce boccata dopo boccata. Come i suoi fratelli maggiori (i.e. Reserva Organica Robusto) è un sigaro leggero ma tonico e deciso nella sua espressività e possiede, per essere una linea economica nel portafoglio Plasencia, la classe e il pedigree delle linee più blasonate.

Plasencia Reserva OrgáNICA Robusto – Il sigaro degli Angeli

La fumata procede in scioltezza, coccolato dalla sua morbidezza, fumata che si arricchisce di note minerali in sottofondo e di sfumature fruttate in retroinalazione. Indubbiamente un piccolo e godurioso sigaro che non richiede particolare impegno e questo è un pregio per una fumata dichiaratamente da relax e da brevi pause.

Nella parte centrale il Plasencia Reserva Original Nestico si irrobustisce decisamente e la dolcezza fruttata prende il sopravvento sul resto, assieme alla nota affumicata ora nettamente più avvertibile mentre a contorno avverto una lieve punta di marzapane. Resto onestamente molto sorpreso dal livello di piacevolezza che riesce a regalare, senza incrinature o sbilanciamenti come si addice ad un prodotto di alta classe.

Inutile nasconderlo, questo Nestico sa farsi voler bene e possiede un discreto arsenale di seduzione che non lascia indifferente il fumatore. Se però appartenete alla categoria di persone che non distinguono una scorreggia da una nota minerale allora non fa per voi, mi spiace, perchè appartenete al genere di fumatore stile “ndo cojo cojo” che non lo può apprezzare come meriterebbe.

Io invece mi rendo conto che in un baleno questo piccolo sigaro è riuscito a svaporare lo stress di una giornata infelice. Sembra poca cosa ma è proprio questo uno dei motivi per cui adoro fumare sigari, aiutano insindacabilmente a migliorare la qualità della mia vita. Il finale si rivela intenso, maschio, caramellato e discretamente pepato, degna conclusione per una pausa fumosa di classe.

Nicaragua
ECCELLENTE

ECCELLENTE

BEST BUY

MEDIUM

MEDIUM

RING GAUGE 36

LUNGHEZZA (inch)

MANIFATTURA - FACTORY

Plasencia Cigars S.A.

FASCIA - WRAPPER

Nicaragua Habano

SOTTOFASCIA - BINDER

Nicaragua

RIPIENO - FILLER

Nicaragua

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Balmoral Añejo XO Gordito

Balmoral Añejo XO Gordito

L’adrenalinica espressività di questo Balmoral Añejo XO Gordito continua come non ci fosse un domani, emettendo tonnellate di fumo tanto da sembrare un diffusore di essenze. Ma cosa hanno usato al posto del tabacco?

Bellas Artes Maduro Robusto

Bellas Artes Maduro Robusto

Con un’opera d’arte bisogna avere il comportamento che si ha con un gran signore: mettervisi di fronte e aspettare che ci dica qualcosa. – Arthur Schopenhauer – e questo Bella Artes Maduro Robusto ne ha parecchie di cose da raccontare, a cominciare dal nome “Bellas Artes” o belle arti in italiano.

Arturo Fuente Don Carlos Personal Reserve Robusto

Arturo Fuente Don Carlos Personal Reserve Robusto

Come spesso accade con la Arturo Fuente anche per i Don Carlos Personal Reserve sembra scatti una sorta di omertà, o forse è solo marketing, ma in ogni caso i dettagli del blend non sono divulgati e non sono divulgate nemmeno eventuali differenze fra questo e l’Eye of the Shark. Quello che trapela è il fatto che il blend sembra sia una versione rivisitata di quello personale di Carlos Fuente Sr., il patriarca. Sti cazzi…

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Pin It on Pinterest

Share This