Il sigaro

Nazione – country: Nicaragua

Manifattura – factory: Plasencia Cigar Factory

Fascia – wrapper: Nicaragua

Sottofascia – binder: Nicaragua

Ripieno – filler: Nicaragua

Formato – vitola: Toro

Lunghezza – length: 6 1/4 inch.

Ring Gauge: 54

Body: Medium to full

Euro: 20,00 (D)

La fumata

Quando pubblicai la news sui nuovi Plasencia Alma Fuerte apprezzai molto la volontà di Plasencia di ritornare in gioco in prima persona e rinsaldare la connessione con noi consumatori.

Ancora più stupefacente è a dirlo è lo stesso Nestor Andrés Plasencia, figlio del Rè Mida dei sigari, il cui “core-business” aziendale è da sempre la produzione di sigari per molti brand di fama mondiale.

Questo modello di business lo aveva però isolato dal mondo dei consumatori, i suoi clienti indiretti, che è sempre più coalizzato e connesso. Questo isolamento aveva anche relegato in un immeritato “oblio” la sua linea di sigari più conosciuta, i Reserva Organica.

La risposta a tutto questo sono gli Alma Fuerte (anima forte), dal nome altisonante che è anche un chiaro messaggio della portata e delle qualità dei suoi prodotti.

Quello che comprendo poco è la decisione di sbarcare in una fascia di mercato “ultra premium” dove la concorrenza, pur essendo esigua, combatte a suon di super qualità e super eccellenze.

Facile farsi del male, mi verrebbe da dire, ma allo stesso tempo “chapeau” per il coraggio di reinventarsi percorrendo una strada sicuramente irta di difficoltà.

A favore dei Plasencia Alma Fuerte vi è sicuramente un blend che attinge da uno dei più vasti inventari di tabacco Nicaraguense che esistano al mondo, per non parlare poi dello sviluppo di questo blend che vede anche la partecipazione di suo padre, Rè Mida!

Bastano questi plus per fare di loro un prodotto di alto livello? Bastano per giustificare il notevole esborso? No.

Devono essere fumati per giudicare ed io ho una voglia matta di farlo. Voglia travolgente e inarrestabile come un’onda causata da uno tsunami, per la miseriaccia.

Devo solo contenerla… come? Fumandone uno. Quale? L’Alma Fuerte Nestor IV, il Toro.

Prima dell’accensione lo esamino. L’impatto estetico è impressionante, è bello, compatto al tatto, scuro e oleoso. Perfino elegante adornato della sua bellissima fascetta nera con caratteri dorati.

A crudo dal piede avverto pelle, crema, agrumi e fichi secchi mentre nelle prime boccate da spento percepisco perfino erbe aromatiche da cucina come l’origano.

Non sto più nella pelle. Accendo.

Parte leggero, poco Nicaraguense se vogliamo, su note di pelle, pepe e spezie dolci mentre un’impressionante dolcezza pervade la bocca.

Una goduria che mi ricorda il torrone morbido. Mamma mia che buono!

Al momento gli manca quello zic di complessità in più per eccellere ma siamo ancora agli inizi della fumata. Alle volte poi anche la semplicità può essere vincente a lungo termine, se accompagnata da un piacere in fumata sopra la media.

Piano piano si costruisce su note di frutta secca, terra e una punta amaricante al caramello mentre il fumo rimane elegantemente speziato con l’aggiunta di salvia e origano. Si, avete letto bene.

Cresce costantemente di intensità, boccata dopo boccata, ma resta morbidissimo e cremoso in fumata. Questa crescita genera anche un effetto BBQ che controbilancia le spezie ed il caramello.

Un gioco, un’alternanza dolce/amaricante su cui poggia quasi tutta la prima parte di questo Plasencia Alma Fuerte. Ad ogni boccata infatti il fumo riveste il palato giocando con questi contrasti e rilasciando allo stesso tempo un effetto grasso che aumenta a dismisura il piacere.

Avverto a lungo i suoi profumi e sapori e complice una costruzione perfetta, lo dimostra il braciere, mi abbandono alle sue intense ma morbide carezze.

Fumarlo mi mette in un profondo e puro stato di relax e piacere che va provato, come fare pigramente il morto in un mare placido e tiepido lasciandosi cullare dalle lieve onde sensoriali.

Mentre galleggio avverto sfumature di agrumi, di spezie mediterranee e il fumo si fa ancora più cremoso di prima prendendo connotazioni di legno resinoso e pane. Sotto di me un fondale, pardon sottofondo di torrone morbido Vergani completa il quadro del paradiso terrestre.

Caro il mio Plasencia Alma Fuerte, ho trovato la tua chiave di lettura. Non mi freghi!

Chissene della complessità, ora peraltro decisamente presente, è il gioco dei contrasti perenni che ti rende intrigante. Hai spezie dry ma anche dolci, hai l’amaricante ma anche la dolcezza e la cremosità, sei intenso ma anche morbido.

Insomma completo. Davvero completo e buono.

Nella parte centrale poco di quanto sopra varia tranne la dolcezza, che emerge prepotente così come il cacao. Se doso le boccate l’effetto è ancora più straordinario, riempie la bocca e mi fa mugolare dal piacere.

In primo piano quindi cacao e dolcezza varia, in sottofondo tutto il resto. A modo suo evolve e lo fa enfatizzando il piacere ma anche contrapponendo ad una certa linearità aromatica uno straordinario lavoro di “cesello sensoriale” sulle note dolci.

Avvicinandosi alla parte terminale della fumata arriva anche una nota di panna cotta e… sentiteci quello che volete! L’Alma Fuerte va assaporato e basta. Credetemi.

Nel finale le spezie quasi scompaiono, il caramello diventa primario assieme a caffè e cacao di contorno, anzi di cioccolato fondente (Lindt 90% ?) mentre l’intensità di corpo raggiunge il suo picco massimo.

Non cede mai però, non si scompone ne perde la sua piacevolezza globale.

Che altro dire ancora? Se ricercate la complessità in struttura, aromi e sapori magari resterete delusi, ma se ricercate il piacere e basta allora questo Plasencia Alma Fuerte Nestor IV è una gran bella fumata.

Il verdetto

IL VERDETTO - ECCELLENTE (EXCELLENT)

The smoke

When I first published the news about the new Plasencia Alma Fuerte I appreciated a lot  the new market’s approach of Plasencia himself to strengthen the connection with us, his consumers.

Even more amazing is the fact that it’s the same Nestor Andrés Plasencia, son of the King Mida of the cigar’s world, whose “core business” has always been the production of cigars for many world famous brands.

This business model, however, had taken him far away from the consumers world, its indirect customers, which is increasingly united and connected. This absence had also relegated to an undeserved “oblivion” his best-known line, the Reserva Organica.

The answer to all this are the Alma Fuerte (strong spirit), an high-sounding name that is also a clear message of the scope and quality of his products.

What I didn’t understand is just the decision to land in the “ultra-premium” segment where the competition fights using the super-quality and super-excellence weapons.

Easy to get hurt, I would say, but at the same time “chapeau” for the courage to reinvent himself along a path surely fraught with difficulties.

In favor of the new Plasencia Alma Fuerte there is a blend that comes from one of the largest inventories of Nicaraguan tobacco worldwide, not to mention that in the development of this blend was also involved his father, the King Mida!

Are these features the minimum to give them a high quality tag? Are these features enough to justify the considerable cost? No.
They must be smoked to be judged and I have a strong desire to do so. An overwhelming and unstoppable desire like a wave caused by a tsunami, damn.

I must contain it… how? Smoking one. Which one? The Alma Fuerte Nestor IV, the Toro.

Before light it I take a look at it. The aesthetic impact is impressive, it’s beautiful, hard to the touch, dark and oily. Even elegant adorned by its beautiful black band with gold lettering.

Snifforama. On pre-light I detect leather, cream, citrus and figs at the foot while on pre-light draws I get herbs like oregano.
I cannot wait. Time to light it.

Right from the gate it’s delicate, it’s not an usual Nicaraguan, on notes of leather, pepper and sweet spices while an impressive sweetness coat the mouth.

A pleasure that reminds me a soft nougat. Mamma mia, it’s so good!

At the moment it lacks on complexity to really jump into the excellence, but I’m still at the beginning of the smoke. Sometimes also the simplicity can be successful on long-term, if accompanied by a pleasure in smoke above average.

Slowly it builds up on dried fruit, earth and a bit of bittering caramel notes while the smoke remains elegantly spicy with the addition of sage and oregano. Yes, you are reading correctly.

Puff after puff the Alma Fuerte is growing steadily in intensity, but the smoke remains smooth and creamy. This growth also generates a BBQ effect that counterbalances spices and caramel.

A game, a sweet/bitter alternation on which rests most of the first section of this Plasencia Alma Fuerte. Indeed at every puff the smoke coats the palate playing with these contrasts and releasing at the same time a buttery sensation that greatly increases the pleasure.

I feel its scents and flavors for a long time and, thanks to a perfect construction as demonstrated by the brazier, I surrender to its intense and smooth cuddles.

This cigar puts me in a deep and pure pleasure mood that worth a try, like floating lazily in a calm and warm sea, lulled by mild sensorial waves.

As I float I detect hints of citrus fruit, Mediterranean spices and the smoke is even creamier than before, taking connotations of resinous wood and bread. Below me a backdrop, pardon a background of soft nougat completes the landscape of the paradise.

My dear Plasencia Alma Fuerte, I discovered how to understand you. You don’t fool me!

Forget the complexity, is the perennial conflict the game that makes this Alma Fuerte intriguing. It has dry but also sweet spices, it has bitterness but also sweetness and creaminess, it’s intense and smooth at the same time.

I mean complete. Really complete and good.

In the central part there are minor changes of all of the above except for the sweetness that strongly emerges as well as the cocoa. If I control the draw the effect is even more extraordinary, it fills my mouth and makes me moan with pleasure.

So, in the fore cocoa and sweetness varies, in the background all the rest. In its own way it evolves and it does it by emphasizing the pleasure but also opposing to its aromatic linearity an extraordinary chisel work (sensorial) on the sweet notes.

Close to the end of this smoke also comes a note of panna cotta and… detects what you want! The Alma Fuerte must be just savored. Believe me.

In the last part the spices almost disappear, the caramel becomes primary along with coffee with cocoa’s contour, or rather dark-chocolate (Lindt 90%?) while the strenght reaches its peak.

It never loses however its overall pleasantness.

What else to say? If you are looking for complexity in structure, aromas and flavors perhaps you could be disappointed, but if you are looking for just pleasure then this Plasencia Alma Fuerte Nestor IV is an excellent cigar.

The verdict

IL VERDETTO - ECCELLENTE (EXCELLENT)
Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere. If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.

Pin It on Pinterest