Dall’ultima recensione è passata un’era geologica. Chiedo venia, ma alle volte accade che gli impegni familiari involontariamente schiaccino qualsiasi velleità creativa.

Tipo emergenza pidocchi, che mi è costata diverse serate all’insegna dell’esplorazione del variegato mondo degli shampoo anti pidocchi, delle farmacie e dei pettini speciali per la rimozione delle uova di questi bastardetti pruriginosi.

Pensavate che la scuola servisse all’accrescimento culturale e all’istruzione del vostro o dei vostri figli? Sbagliato, è una scuola di sopravvivenza in cui si mette alla prova il fisico umano, esponendolo alle peggiori malattie dell’universo. Se sopravvivono sono in grado di affrontare il mondo e la vita.

Ridete, ridete pure. Solo chi ha figli mi può capire.

Quando invece non sono immerso nel cataclisma  bambini, ci si mette il televisore. Quell’oggetto malefico e subdolo, l’anello di congiunzione tra un primate come me e il divano, da cui resto soggiogato senza accorgermi.

Tutto normalmente inizia con frasi del tipo: …mi guardo 10 minuti della trasmissione così digerisco, poi accendo il PC e comincio a lavorare…

Seeeeee, mi sveglio con la bolla al naso nel cuore della notte realizzando che ho buttato nel cesso un’altra serata. Lo so, sono una nerchia umana ma non posso farci niente.

OK, basta piagnistei, è tempo di recensione.

Padilla Reserva Corojo ’99 Toro. Un nome un programma per un drogato Corojo come me. Un tabacco storico che ha radici lontane, perchè nasce intorno al 1930, e ha rivestito TUTTI i sigari cubani dal 1930 al 1990. Apprezzato da sempre per la sua spiccata aromaticità e complessità espressiva, ha come contro indicazione un morso rustico che deve essere domato nei blend. Io lo amo da impazzire.

Come per il suo fratello Padilla Reserva San Andres Toro, la presentazione è impeccabile e segna il ritorno della Padilla Cigars presso la manifattura Honduregna Raices Cubanas. Della storia del brand ho parlato approfonditamente nella recensione del San Andres, quindi non vi racconto nulla (potete però andare a leggere tutto qui ).

Anche per questo sigaro la foglia da fascia e la presenza estetica sono sopra la media, anzi superlative ma ovviamente non è di queste cose che godiamo in fumata.

Al piede una pletora di aromi riempiono le mie cavità nasali, nell’ordine avverto pane, pelle, uvetta, terra umida e pepe che stuzzica i miei recettori olfattivi. Ti amo Corojo!

Non perdo tempo e lo accendo. La partenza si rivela morbidissima, pepata solo in retroinalazione, dolce e speziata. Onestamente mi aspettavo l’irruenza maschia del Corojo, invece sono le spezie e le note dolci di frutta secca a reggere il gioco, a costruire l’ossatura della fumata.

Fermi tutti. Allaccio la cintura di sicurezza perchè il pepe parte a manetta. L’animale Corojo che era in agguato è scattato in avanti e graffia con i suoi artigli affilati. Fortunatamente l’attacco viene in parte mitigato dall’accrescimento della dolcezza che sa di pane alle uvette. Pfiuuuuuuu, sono salvo per un soffio.

Mi abituo al pepe e la fumata si fa sempre più densa, tutto assume una connotazione che ricorda una crostata al limone, con punte di cannella e chiodi di garofano. Il fumo profumatissimo conserva sfumature di pane e note fruttate mentre in bocca lascia un meraviglioso retrogusto che ricorda la weiss beer. Haaaaaa, mi sembra di dissetarmi!

Tutta la prima parte della fumata va via all’insegna della morbidezza e della dolcezza, senza complicazioni o voli pindarici a ben vedere, ma indubbiamente molto gustosa. Arrivano ondate di cacao, note di creme brulee e scorza d’arancio mentre il pepe magicamente scema quasi a scomparire del tutto.

Sul piano piacevolezza la sa lunga e mette a mio giudizio in riga, come tanti soldatini, moltissimi sigari in commercio. Un sergente istruttore fiero, autoritario, ma dall’animo gentile e a cui tutti comunque obbediscono senza fiatare.

Signor sì, signore… lei è il migliore… lei è il più buono… signor sì, signore.

Avvicinandomi alla parte centrale della fumata il cacao si tramuta in cioccolato speziato, buono da mordere e a me viene solo voglia di tirare boccate su boccate senza fermarmi mai.

In sottofondo compaiono sfumature di pane tostato che scatenano sensazioni uniche, come essere vicino ad un forno da panificazione pieno di prelibatezze. Non riesco a decifrare bene quanto avverto ma vi assicuro che è davvero una goduria.

In un lento crescendo le spezie e la nota tostata prendono il sopravvento, mentre in sottofondo la dolcezza fruttata diviene caramellata. Mi accorgo che involontariamente sto accelerando il ritmo delle boccate, ma che ci volete fare, non resisto!

Poi una mutazione decisa in sottofondo. La dolcezza sfuma in una nota di vinaccia che sorprende ed è un peccato perchè mi stavo abituando alle dolci coccole di questo sigaro.

Nello stesso momento il pepe si affievolisce del tutto. Nada mas, no more, basta pepe, kaput! Strano ma vero visto che stiamo parlando di Corojo, ma il bello dei blend è che ognuno è storia a se e non comparabile con altri.

Stacco la gigantesca fascetta e proseguo il mio viaggio fumoso. Viaggio che, persa la connotazione pepata, si trasforma in una placida crociera, dove armonia e morbidezza regnano sovrane. Se avete in mente il mondo Corojo alla Pepin, qua non lo trovate. In compenso si schiude un mondo di relax e godimento, un pacioccone di sigaro insomma.

Le note di cacao, quelle tostate, di legno di cedro e pelle si acuiscono e la fumata si ispessisce, si fa più maschia e bold raggiungendo il suo apice massimo di intensità.

In questa fase acquista una profondità espressiva davvero rimarchevole, oltre ad una completa fusione degli elementi aromatici. Per nulla affaticante riesce perfino a stregarmi per questa sua capacità di usare il pugno di ferro e il guanto di velluto allo stesso tempo.

Nel finale la dolcezza diviene quasi stucchevole mentre spezie lieve passano in sottofondo. Stranamente emergono legno e cioccolato al latte, potenti, invece di caffè e liquirizia ad esempio. La rimarchevole densità del fumo, quasi masticabile, riempie e riveste le mucose della bocca accompagnandomi a gran passi al commiato finale.

Mentre vi arrivo non riesco a capacitarmi di come Ernesto Padilla sia riuscito a creare un simile blend, un simile sigaro venduto ad un prezzo (negli USA) straordinariamente basso. Averne di sigari così…

p.s. come al solito mi sono perso via ed ho dimenticato di scattare delle foto.

EN REVIEW

Padilla Reserva Corojo ’99 Toro. A name, a sureness for a Corojo junkie like me. An historic tobacco that has deep roots, because it’s born in 1930, and wrapped ALL Cuban cigars from 1930 to 1990. Always appreciated for its spicy aroma and complex expressiveness, it has as a drawback a rustic bite that must be tamed in the blend. I love it so much.

As for its brother Padilla Reserva San Andres Toro, the presentation is impeccable and marks the return of the Padilla Cigars at the Honduran factory Raices Cubanas. I talked in depth (sorry guys… its in Italian) about the history of the brand reviewing the San Andres, so there’s no need to add something more.

Even for this cigar the wrapper leaf and aesthetic presence are above average, even superlative, but obviously none of these things are smokable.

At the foot a plethora of aromas fill my nose. The list get bread, leather, raisins, damp earth and pepper that tickles my nostrils. I love Corojo!

I do not want to waste time, so I light it. The departure is smooth, peppery only on retrohale, sweet and spicy. I honestly expected the male vehemence of Corojo, but are the spices and the sweet touch of dried fruit to hold the game, to build the backbone of the smoke.

Stop. Fasten the seat belt because the pepper skyrocketed. The Corojo animal that was lurking jumped forward and scratches me with its sharp claws. Fortunately the attack is mitigated by the sweetness that tastes like raisin bread. Pfiuuuuuuu, I am saved by a whisker.

I get used to the pepper and the smoke is getting thicker, everything takes a connotation of lemon tart, with cinnamon and cloves tips.

The fragrant smoke preserves bread shades and fruity nouances while in the mouth it leaves a wonderful aftertaste, reminiscent of weiss beer. Haaaaaa, It seem to quench my thirst!

All the first part of the smoke goes away based on smoothness and sweetness, without complications or fireworks to be honest, but for sure very tasty. Cocoa waves come, together with hints of creme brulee and orange peel while the pepper magically fades away quite at all.

On pleasantness side it puts in line, like little soldiers, many cigars on the market. A proud drill sergeant, authoritarian, but with a kindly soul and to which all obey without a murmur.

Aye, Sir… you are the best … you are the most tasty… Aye, Sir.

Close to the central part the cocoa turned into spicy chocolate, good to bite and to take unlimited puffs without ever stopping.
In the background toast nuances trigger unique feelings, like being near a baker’s furnace filled with goodies. I can not decipher what I exactly feel but indeed I can assure you that it’s a pleasure.

In a slow growing the spices and toast hints take over, while in the background the fruity sweetness becomes caramelized. I realize that unawares I’m accelerating the rhythm of puffs, but I can not resist!

Then a decisive transition in the background. The sweetness fades into a grape marc that surprise me and it’s a shame because I was getting used to the sweet cuddle of this cigar.

At the same time the pepper fades entirely. Nada mas, no more, kaput! Strange but true, since we are talking about Corojo, but the beauty of the blends is that everyone is a different story.

I get off the giant band and continue my smoky journey. A journey that, having lost the peppery touch, is transformed into a placid cruise, where harmony and smoothness reign supreme. If you have in mind the “Pepin” Corojo world, this is not the right place. On the other hand it opens up a world of relax and enjoyment, in short a perfect go-to cigar.

Cocoa, roasted hint, cedar wood and leather become bold and the smoke thickens reaching its maximum intensity peak.

During this phase it acquires a remarkable expressive depth, plus a complete blend of the aromatic elements. It even managed to bewitch me thanks to its ability to use the iron fist and the velvet glove at the same time.

In the final part the sweetness becomes almost cloying while mild spices pass in the background. Strangely emerge wood and milk chocolate, rather than coffee and liquorice for example. The remarkable smoke density, almost chewy, fills and coats the mouth accompanying me to the final farewell.

At the end of my journey I can not comprehend how Ernesto Padilla managed to create a similar blend, a similar cigar sold at a price (in the US) incredibly low. Having cigars like these…

P.S. as usual I got lost and forgot to take pictures.

Honduras

Honduras

IL VERDETTO - ECCELLENTE (EXCELLENT)
  • Medium full

Ring Gauge

Pollici

MANIFATTURA - FACTORY

Raices Cubanas

FASCIA - WRAPPER

Honduras Corojo ’99

SOTTOFASCIA - BINDER

Nicaragua

RIPIENO - FILLER

Nicaragua (AGANORSA)

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.

Pin It on Pinterest