Da “outdoor-smoker” i mesi invernali sono una sorta di sfida e come tutte le sfide alla fine si può solo essere vincitore o perdente. La vittoria è strettamente correlata alla capacità individuale di sapersi adattare e adottare artifizi tecnologici perchè, lo sapete benissimo, bisogna anche evolversi.

Adattamento ed evoluzione sono quindi chiavi fondamentali per superare con successo il periodo invernale e nel tempo ho sviluppato una mia personale strategia tecnico/evolutiva.

Quindi niente più mutandoni di lana alla “super-pippo” (ve li ricordate?) anche perchè:

  • generano un prurito infernale nella parte bassa del corpo, talmente intenso che usereste un rastrello per provare sollievo
  • si restringono dopo il primo lavaggio ad una taglia adatta solo al bambolotto Big Jim.

Molto meglio ad esempio un set intimo termico moderno (maglia + calzamaglia).

Sopra aggiungo vari strati di indumenti adatti, oltre a cappello e guanti, che aiutano a mantenere il corpo ad una temperatura accettabile, perfino nelle giornate più rigide, per un periodo di tempo adatto alla maggior parte delle fumate.

Fin qui sembra tutto perfetto ma… c’è sempre un ma… alcuni formati dei sigari potrebbero farmi uscire dalla comfort-zone e trasformare una piacevole esperienza in una sorta di glaciale purgatorio. Immaginate di accendere un 70 x 7 ad esempio e non aggiungo altro.

Che fare? Ovviamente scegliere un giusto formato, uno che sia adatto a restare entro i confini della mia comfort-zone che oramai conosco benissimo.

Da sempre i Petit Corona, gli Short Robusto e i Robusto sono le mie scelte primarie. Nei primi due purtroppo la scelta non è infinita e ancora meno per il primo formato praticamente in via di estinzione. In passato ho già recensito i Rosalones 342, i Rocky Patel 1990 Petit Corona e ora tocca ai La Aurora 107 Señoritas.

La cosa stranissima è che l’appellativo “Señoritas” esiste solo qui in Italia. Non conosco le motivazioni di questo cambio, anche perchè il nome originale è “15 Minute Break” che dubito vìoli qualche copyright o trademark.

Guillermo Leon apprezza molto questa tipologia di formati tanto che è presente in quasi tutte le linee del brand assieme a un altro grande best-seller il Sumo (58 x 4).

All’accensione me ne sono subito innamorato perchè parte deciso e presente su note terrose, speziate e pelle latente. In sottofondo avverto eleganti note di legno ma è nell’intensita aromatica che da subito sviluppa e nella sua componente pepata in retroinalazione che davvero eccelle.

Sorprende senza ombra di dubbio e lo fa in chiave positiva.

Ben presto arrivano le spezie e malgrado il formato “limitato” del sigaro cominciano a strutturarsi e la fumata diventa immediatamente più corposa, piena e densa. Trovo che questo piccoletto abbia classe e carattere da vendere, a dispetto delle sue dimensioni.

Aggancio note di chiodi di garofano e platano, quel bananone che in sudamerica si mangia fritto e non crudo. Trovo che questa sia una delle note più caratteristiche del blend dei 107.

Ora lo amo davvero alla follia. Intenso e in un certo qual modo armonico nella sua espressività, con quel tanto che basta di irruenza a renderlo piacevole a prescindere. Va dosato però nelle boccate e solo allora esplode un piccolo universo di cacao e pelle che spiazza.

Sorrido contento malgrado la pioggia di merda e il freddo.

Non è complesso e del resto non deve nemmeno esserlo, perchè nasce per appagare il fumatore in un breve lasso di tempo e ci riesce benissimo.

La fumata de La Aurora 107 Señoritas scivola via in scioltezza senza che me ne accorga. Il pepe continua a lavorare meravigliosamente al naso mentre le spezie acquistano una connotazione più esotica e intrigante che mi accompagnano ad un finale appagante e piacevolissimo.

Rimpiango davvero la breve durata di questa fumata.

Rep-Dominicana

Rep. Dominicana

IL VERDETTO - MOLTO BUONO (VERY GOOD)
  • Medium full

Ring Gauge

Pollici

MANIFATTURA - FACTORY

E. León Jimenes Tabacalera

FASCIA - WRAPPER

Ecuador Habano Sun Grown

SOTTOFASCIA - BINDER

Corojo Rep. Dominicana (Cibao Valley)

RIPIENO - FILLER

Nicaragua, Brasile, Perú e Rep. Dominicana (Cibao Valley)

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.

Pin It on Pinterest