#KingKongProject | 70 x 7 – anomalie o solide realtà?

King Kong 70 x 7

Posted On 07/07/2015

Una domanda che non ha una facile risposta ma a giudicare dal numero sempre crescente di nuove introduzioni in tale formato, senza assurgere al ruolo di veggente, sarebbe la seconda.

Ma che formato è il 70 x 7? Beh, è un double toro molto double e molto toro oppure è un churchill con disfunzioni di peso tipo… che so, problemi con la tiroide.

La proporzione è esattamente quella del classico Robusto da 50 x 5, che è la stessa del classico double toro 60 x 6 e del 70 x 7 ma qua, con il numero porta fortuna 7 imperante, siamo al cospetto di qualcosa che è veramente gigantesco. Se unisco i numeri 70 e 7 ottengo infatti 707 ed il riferimento ai Boeing non è casuale, condividono le stesse dimensioni!

Non ne ho fumati molti a dire la verità (2 per essere onesto) perchè non ho mai abbastanza tempo (scusa bella e buona ma dovevo pur inventarmi qualcosa…) e, aggiungo, perchè mi sento sempre imbarazzato con un simile manganello di tabacco fra le mani. La verità vera però è che non ho il dono della dislocazione della mascella come i pitoni, e per capire cosa intendo provate a portare alla bocca un 70 x 7 e ve ne renderete conto.

Se non state attenti vi si lussa la mandibola e restate come dei pirla a bocca spalancata, emettendo suoni incomprensibili come: auuuutoooonoooorimatoooooinastraaaaatoooooo. Dopo vi interneranno al reparto neuro-deliri.

Chiaramente queste sono valutazioni personali e non pretendo che siano condivise  dalle masse, anche perchè non mi conosce un cacchio di nessuno e forse è anche un bene. Il mercato però sembra apprezzarli e le vendite crescono quindi, senza essere un matematico del MIT, possiamo affermare che i fumatori li apprezzano, li comperano e li fumano.

I motivi presumo siano tantissimi e fra i più disparati, come il peso. Sì proprio il peso, pagare 8 euro per mezzo chilo di tabacco e per tre orette di fumata solletica evidentemente la fantasia di molti ed il loro portafoglio. Ragione valida? Ecchenesoio.

Sicuramente la quantità di foglie di tabacco che si riesce ad inserire in un simile diametro, lascia spazi immensi allo sviluppo di blend ragionevolmente intriganti. Peccato che spesso ciò non si avveri, così l’avventato fumatore si trova innanzi una maratona fumosa sfinente e degna di una martellata sui testicoli, se invece (sono ottimista) il blend è sviluppato bene si potrebbe godere come un riccio per qualche ora.

Fra i pregi indiscussi comunque vi è la freschezza del fumo che simili RG mantengono, sfido infatti chiunque a surriscaldare un cotanto tubo di tabacco a meno di non chiamarsi pompa idrovora o… Moana Pozzi. Ampiezza aromatica? Potrebbe essere data la quantità di foglie diverse che si riesce ad infilare in un simile cannone ma non ci metterei comunque la mano sul fuoco.

Che vi piacciano o meno, vi assicuro comunque che non è un’esperienza che dimenticherete facilmente. Per un fumatore regala le stesse sensazioni che prova un alpinista conquistando la cima dell’Everest. Avete vinto, siete sopravvissuti e lo tramanderete ai vostri figli… nel frattempo vi curerete la mascella dislocata.

Ma in Europa si trovano? Non come in America ma la risposta è sì. Perfino in Italia sono arrivati i primi esemplari. Curiosi di provarli e lanciarvi magari nel progetto King Kong di Facciamo Puff? Bene!

Nel frattempo ecco una breve lista di quanto al momento disponibile in giro per l’Europa:

  • Drew Estate MUWAT (My Uzi weighs a Ton) 7 x 70 – € 10.50
  • EPC INCH Ernesto Perez-Carrillo No. 70 – € 13.50
  • EPC INCH Ernesto Perez-Carrillo No. 70 MADURO – € 13.50
  • La Flor Dominicana Ligero TAA Exclusive The 707 – € 11.00
  • Asylum Cigars Schizo Hercule 70×7 – € 3.50
  • Asylum Cigars 13 Hercule 70 x 7 – € 8.50
  • Alec Bradley Texas Lancero – € 8.00
  • Kristoff Kristania 70 – € 8.00
  • CAO V770 Big Block – € 11,00
  • Alec Bradley Family Blend The Lineage 770 – € 9.50

Buona caccia e occhio alla mascella!

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Dal 25 al 27 settembre come ormai da tradizione anche quest’anno, presso Villa Magherini Graziani, a San Giustino (PG) torna il festival dedicato al tabacco, il “Cigar&Tobacco Festival”. Ci aspetta un viaggio fra aromi, essenze e spezie che vedranno come grande...

Generazione Robusto

Generazione Robusto

Sempre più spesso mi viene chiesto perché un “particolare” formato di sigaro viene dismesso o perché non viene più prodotto. Insomma mi viene chiesto se vi siano ragioni oggettive dietro tali azioni o scelte. Scopriamole…

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
raindogger
raindogger
09/07/2015 15:16

Ciao Andrea, io ho recentemente fumato un CAO V770 Big Block e devo dire che sono in questa seguente categoria “..Peccato che spesso ciò non si avveri, così l’avventato fumatore si trova innanzi una maratona fumosa sfinente e degna di una martellata sui testicoli..”. Constatazioni così, a caso e random: Il sigaro in questione ha sicuramente ottimi tabacchi altrimenti non si riuscirebbe a fumare. E’ pesante, roba che in bocca non ci sta tranne se si ha la dislocazione mandibolare come dici tu e comunque è veramente pesante, roba che ti sposta la testa in avanti. Non sa di nulla… Leggi il resto »

Pin It on Pinterest

Share This