Il sigaro universale – Chimera o realtà?

Written by Andrea Zambiasi

Fumatore seriale di sigari. Rascal inside!

Esisterà mai un sigaro definibile universale? Difficile rispondere, è una sorta di chimera di noi appassionati fumatori di sigaro. Difficile dicevo anche perchè un singolo sigaro spesso non è adatto a coprire tutte le situazioni fumatorie, sia per dimensioni che per struttura di corpo.

Una possibile “pseudo” risposta potrebbe essere… certo, un formato comune trasversalmente a varie linee di un certo brand. Risposta vera in alcuni casi ma nemmeno troppo generalizzabile e se poi ci spostiamo su formati un po’ più impegnativi e particolari come i “figurado” il discorso spesso crolla miseramente.

Sicuramente vengono in mente formati come il Robusto e il Toro nella loro accezzione più classica, ovvero 50 x 5 e 50 x 6, ma in molti brand spesso subiscono variazioni dimensionali, linea dopo linea. Prendendo però spunto da questo argomento vorrei segnalare un sigaro unico e particolarissimo che, cosa rara nel panorama mondiale, conserva le sue esatte dimensioni fisiche nonchè estetiche su tre differentissime linee di uno stesso brand. Una sorta di tuttofare selezionabile in base ai nostri gusti ma anche alla sostanza ed al carattere della fumata che vogliamo affrontare.

Non ci credete? Sbagliate perchè nel brand Joya de Nicaragua esiste un sigaro, conosciuto dai più come “Gran Consul” che è un candidato ideale al titolo di “Sigaro universale”. Un figurado unico dicevo perchè non ha eguali nel panorama mondiale, non è nemmeno a dir la verità un vero “Torpedo” ma ha la testa rastremata che di fatto li accomuna.

Non ha un diametro “normale” perchè è di ben 60 di Ring Gauge anzi è uno dei primissimi esempi di tale diametro, è uno se non il primo dei figurado in questo diametro ed è nato ancor prima che si parlasse di NUB e “Sweet Spot”… un precursore insomma ma spesso glissato da noi fumatori.

Perchè universale? Perchè di fatto possiamo, selezionando la linea produttiva, fare veramente tre differentissime fumate sia come gusti che come forza. Possiamo spaziare dalla forza media al super forte, dalla morbida ricchezza e terrosità di uno ai gusti super forti, dolci e speziati dell’altro passando attraverso uno step intermedio.

Cosa vogliamo di più? Ma quali sono le tre linee produttive? Semplice Rosalones, Antaño 1970 e Antaño Dark Corojo ma vediamole nel dettaglio…

Joya de Nicaragua 460

Rosalones 460

Rosalones è una delle linee più storiche, una delle prime prodotte dalla nascita di Joya de Nicaragua. Relegato in passato per alcuni mercati europei ha ricevuto nel 2010 una rivisitazione del blend ed un rilancio in questi anni su tutti i mercati. Non avendolo mai fumato non posso che riportare le indicazioni fornite dalla stessa Joya de Nicaragua: Rosalones è una linea economica ma di qualità per assaporare i gusti pronunciati Nicaraguensi, di forza media, terroso e con un carattere ricco è sicuramente un sigaro perfetto per ogni momento della giornata.

Antaño 1970 Gran Consul

Antaño 1970, una delle linee che più di altre esprime l’anima genuina di Joya de Nicaragua ed un tributo ai fasti del passato. La linea che per la prima volta, a livello mondiale, ha tracciato indelebilmente il confine che separa i sigari realmente “full-body” dal resto. Un tributo alla potenza ma in veste bilanciata e morbida, un “Puro” che ha riportato il brand ai fasti leggendari del passato. Un sigaro unico, forte, speziato e dai gusti pronunciati. Forse non adatto come sigaro “quotidiano” ma sicuramente una fumata di corpo e sostanziosa, espressiva e degna compagna per chi ricerca sostanza e qualità.

Antaño Dark Corojo La Pesadilla

Penultima linea nata, l’Antaño Dark Corojo è l’essenza Nicaraguense della “potenza” fatta sigaro. Una fascia scura e oleosa racchiude una stupefacente miscela di tabacchi definiti “extra full-bodied”. Saporitissimo, complesso, forte e pungente ma anche dolce e speziato. Una gemma per gli amanti dei gusti robusti e dell’extra forza. Certamente non adatto a fumate estemporanee ne per deboli di cuore vi regalerà però sensazioni uniche e strabilianti a patto di fumarselo abbondantemente rifocillati.

Ma voi cosa pensate su questo argomento? Sono curioso…

Potresti leggere anche…

Gli Awards 2019 di Facciamo Puff

Gli Awards 2019 di Facciamo Puff

Dicembre è alle porte e per noi della "blogosfera" digitale a tema sigari è anche un mese frizzantino e di fermento, in cui ci si ferma a fare il punto della situazione, ad analizzare l'attività svolta nel corso dell’anno e, ammettiamolo, ad aspettare le attesissime...

Il meglio della settimana – 002.2019

Il meglio della settimana – 002.2019

Questa nuova rubrica nasce fare il punto settimanale sull’attività editoriale di Facciamo Puff, se c’è stata attività, suddiviso per categorie di argomenti. È quindi una combinazione di notizie, di recensioni di sigari e degli editoriali che sono stati pubblicati durante la settimana.

Il meglio della settimana – 001.2019

Il meglio della settimana – 001.2019

Questa nuova rubrica nasce fare il punto settimanale sull'attività editoriale di Facciamo Puff, se vi è stata attività di pubblicazione, suddivisa per categorie di argomenti. È quindi una combinazione di notizie, di recensioni di sigari e degli editoriali che sono...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Pin It on Pinterest

Share This