Facciamo Puff Guide | Il mio IPCPR 2014 virtuale… cosa fumerei?

IPCPR

Posted On 20/07/2014

Il conto alla rovescia comincia, l’82° Annual Convention & International Trade Show a Las Vegas parte il 19 luglio e moltissime news hanno riempito il web giornalmente.

Tenersi aggiornati su tutto è impresa improba e, al di là delle effettive possibilità di chiunque, stiamo parlando di centinaia di introduzioni, nuovi brand, nuove linee o estensioni di linea, edizioni limitate o “speciali” e via discorrendo.

Del resto è la fiera più ambita e più risonante a livello internazionale, tutti i produttori cercano di essere presenti e tutti gli appassionati partecipano o vorrebbero partecipare… me compreso!

Purtroppo la realtà difficilmente coincide con la fantasia così il partecipare al momento resta, per me, una mera fantasia.

Se essere presenti fisicamente non è fattibile ho dalla mia la possibilità di raccontare quello che per me potrebbe essere il mio IPCPR virtuale. Cosa farei se fossi là? Quali brand andrei a visitare? La risposta più ovvia è TUTTI!

Tutti però non ha senso, sia per la ciclopica presenza numerica che per il tempo virtuale a disposizione così vi racconterò, in una sorta di “agenda” personale, quelle novità, quei brand, quelle Boutique Brand che mi hanno particolarmente colpito e che andrei a visitare.

Non tutto quello che racconterò è conosciuto dai più ma val la pena estendere le proprie conoscenze e la propria cultura in materia. Cominciamo…

Ashton

Uno dei brand più venduti perfino negli USA e sicuramente un brand notissimo anche da noi. Conosciuto in passato per il sodalizio con Fuente ha recentemente esteso le collaborazioni con la My Father ed è sbarcato in Nicaragua.

Inversione di rotta? No, semplicemente una diversificazione del portafoglio che è culminato quest’anno con una spettacolare Edizione Limitata La Aroma de Cuba Noblesse e il nuovo Ashton Symmetry.

Quest’ultimo segna non solo il ritorno alla Repubblica Dominicana e alla Arturo Fuente, ma anche una svolta che non si vedeva da quasi 10 anni, una nuova linea sotto il brand “Ashton”.

Li vorrei provare tutti e due, senza ombra di dubbio!

Las Cumbres Tabaco

Visita obbligata alla Las Cumbres Tabaco che è l’ultima creazione del geniale José Blanco. Non solo siamo amici, anche se solo virtuali, ma è sicuramente una delle “HOT” news della fiera, tutti ne parlano e ne stanno parlando.

Non è una realtà gigante come La Aurora o Joya de Nicaragua con cui ha collaborato, piuttosto entra nella sfera delle Boutique Brand tanto in voga oggigiorno.

Ho fumato il robusto della sua nuova linea Señorial e lo trovo meraviglioso, sarei curioso di fumare anche il resto della linea.

La Aurora Cigars

Storica manifattura Dominicana che amo molto, i 1495 sono fra i miei preferiti (e blend fra le altre cose di Josè blanco) come i 107 ma ora lanciano il nuovo Untamed.

Forza e corpo a tutta manetta, in controtendenza rispetto a moltissimi altri che ricercano la “medianità”. Blend multinazione e scurissima fascia Connecticut Braodleaf… che volere di più?

My Father Cigars

Altro BIG per cui merita una visita. Due grosse novità per loro, il tanto atteso La Antiguedad, dal carattere più deciso rispetto alla Flor de las Antillas, e a sorpresa il nuovo My Father Connecticut.

Prima volta che si cimentano con una fascia Ecuador Connecticut in una linea di produzione regolare. Non amo molto questa tipologia di fascia ma ne vorrei provare qualcuno perchè, a quanto sembra, hanno dato al blend una marcia in più. Niente leggerezza quindi ma corpo e forza nella giusta dose… yummm!

Sicuramente una bella annata per il brand e la famiglia Garcia.

A.J. Fernandez Cigars

Uno dei miei brand preferiti, come non fargli visita?

La A.J. Fernandez Cigars ha sorpreso tutti con l’annuncio del nuovo A.J. Fernandez New World.  Una linea box-pressed di prezzo medio, una svolta per un brand solitamente collegato a prezzi di fascia alta.

Qualità come al solito di altissimo livello e curiosità a “mille” perchè il blend è stato sviluppato dallo stesso Fernandez a braccetto con suo padre, colui da cui tutto è cominciato, Ismael Fernandez. Come resistere alla tentazione di provarli?

Si vocifera inoltre che presenteranno la nuova edizione limitata 2014 del Mayimbe.

Boutique Blends Cigars

Per Rafael Nodal è sicuramente l’anno del successo. Uno dei suoi sigari è, per Cigar Aficionado, il sigaro dell’anno 2014.

Visita meritata dunque ma anche curiosità per i nuovi Aging Room Bin No. 1, Aging Room M20 Ffortissmo (versione Maduro dell’M21 ),  ma in particolar modo per i nuovissimi La Bohéme e Swag Black.

The Crowned Heads

Una boutique brand che amo molto e che vorrei conoscere di persona. Non tanto per i sigari, che non ho mai fumato, quanto per la poliedricità delle loro realizzazioni e fantasia creativa.

Di DNA Dominicano, tuttora collegati con alcune linee alla E.P. Carrillo, sono da poco sbarcati sul suolo Nicaraguense ed in pompa magna aggiungo io. Sodalizio con la My Father ed ecco spuntare una meraviglia, il Jericho Hill.

Fascia Messicana San Andres che amo tantissimo e corpo e forza alla Pepin, un altro biglietto da visita di indubbio fascino e irresistibilità.

E.P. Carrillo

Altro eminente brand Dominicano, conosciuto per i suoi Core e Cardinal, per i suoi “Inch” che per primi hanno sdoganato gli ultra calibri, sorprendono con un’inversione di tendenza presentando la linea La Historia Perez-Carrillo.

Tributo alla famiglia, di lunga tradizione tabacalera, e primo box-press di produzione regolare. Packaging meraviglioso e fascia… indovinate? San Andres Mexican! Come farmelo mancare?

Matilde Cigars

Brand nuovissimo e creato da una vera e propria leggenda dei sigari. Jose Seijas.  Caratteristiche? Produzione limitata e qualità altissima. Curiosità quindi per provare la sua linea e il suo nuovo Lancero…

BG Meyer Cigar Co.

Forse pochissimi conosceranno questo nuovissimo brand ma dietro si celano la nuova Camacho e la… Davidoff.

L’anno scorso molto è stato fatto e investito dal gruppo Davidoff per rivitalizzare il brand Camacho ed il suo portfolio, fra le tante operazioni commerciali vi fu la creazione del nuovo “Board of the Bold”.

Questo gruppo di ambasciatori Camacho annovera personaggi di indiscusso carisma come Matt Booth, Mike Ditka e lo scrittore televisivo Rob Weiss. Sia Booth che Ditka hanno la loro linea dedicata, i Room 101 e la collezione Ditka ma Weiss no, almeno fino ad oggi.

Non solo la sua linea è una novità ma segna il primo “puro” Nicaraguense dell’intera storia Camacho, il suo nome? Standard Issue.
Volendo far parte della storia ne vorrei fumare sicuramente più di uno…

Black Label Trading Company

La Black Label Trading Company è una boutique brand Texana che si orienta su packaging a dir poco atipici (molto dark e metallari) e piccoli lotti produttivi. Ne sono affascinato e ne parlano molto bene come per il nuovo Morphine.

Fra le peculiarità di questa linea e la doppia foglia da fascia.

Fratello Cigars

Omar de Frias è uno dei nuovi geni del settore. Fonda l’anno scorso la sua Fratello Cigars e parte veramente da zero, zero tradizione e zero esperienza.

In meno di un anno le sue capacità imprenditoriali sfiorano la fantascienza. Riesce a garantirsi pubblicità, ottiene alta qualità nei suoi sigari e organizza estenuanti tour in giro per gli USA che lo rendono estremamente popolare.

Tutti ne parlano e tutti li vogliono fumare, me compreso ma in special modo l’estensione di linea denominata “The Boxer”, un bel box-press Torpedo con un nuovo blend.

J. Fuego Cigar Company

Storico brand honduregno di lunga tradizione. Il suo fondatore Jesus Fuego e la sua J. Fuego Cigar Company si è costruito una solidissima schiera di seguaci e appassionati che, meritatamente, prediligono i suoi sigari spesso economici ma di alta qualità.

Fra i tanti che vorrei provare sicuramente annovero i nuovi J. Fuego Heat Corojo e i J. Fuego Americana. Quest’ultimo ha una particolarità accattivante, la foglia da fascia Pennsylvania Sun Grown.

La Palina Cigars

Bill Paley e il suo brand sono oramai uno dei puntelli fissi degli appassionati. Storicità e qualità qua si fondono meravigliosamente e regalano a noi linee spettacolari come la El Diario e la Maduro.

Senza nulla togliere alle sopra menzionate linee mi dedicherei invece alla nuovissima La Palina Black specialmente nel formato Petit Lancero (40 x 6) che reputo fra i miei preferiti.

Per la cronaca sono prodotti presso la manifattura della PDR Cigars.

Moya Ruiz Cigars

Secondo anno per Danny Moya e Nelson Ruiz che, con le linee La Jugada Prieto e La Jugada Habano, si sono costruiti una solida reputazione.

Da loro però vorrei fumare il “particolarissimo” La Jugada Nunchuck realizzato esclusivamente per Cigar Dojo.

Padrón Cigars

Che dire? Uno dei BIG, BIG della fiera. Nome storico sicuramente ma poco incline a frequenti lanci imprenditoriali.

Quest’anno però è forse l’anno dei Padron, perchè? Perchè si vocifera che presenteranno una nuova linea dopo anni di stasi, gli ultra-premium Puros Gold, e celebreranno i 50 anni nel business del fondatore Jose O. Padrón con il Family Reserve 50th.

RoMa Craft Tobac

Nati nel 2012, si sono conquistati una invidiabile posizione di assoluto rilievo nel mondo delle Boutique Cigar Company.

Fra le loro novità il Neanderthal, un blend possente e potente tanto voluto dal suo fondatore che finalmente lo ha finalizzato ma non disdegnerei comunque di gustarmi i loro CroMagnon, Aquitaine e Intemperance specialmente nel formato panetela da poco introdotto.

1502 Cigars

Boutique brand che seguo da tempo, da me meritatamente premiata lo scorso anno si distingue, grazie a Enrique Sanches che la guida magistralmente, per la qualità globale delle sue linee. Quest’anno attesissimi i Lancero e la sua nuova linea “puro” Nicaragua, il 1502 Nicaragua appunto, in un solo formato il Robusto… perchè perderlo?

 

Bastano? Non saprei. So per certo che ad essere li questa lista si affollerebbe ogni manciata di secondi ma il tempo a disposizione sarebbe comunque limitato e nessuno sarebbe in grado di vedere/provare tutto quello che verrà offerto.

Fortunatamente sognare non costa nulla, nemmeno scrivere questo articolo… buona fumata a tutti voi!

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Dal 25 al 27 settembre come ormai da tradizione anche quest’anno, presso Villa Magherini Graziani, a San Giustino (PG) torna il festival dedicato al tabacco, il “Cigar&Tobacco Festival”. Ci aspetta un viaggio fra aromi, essenze e spezie che vedranno come grande...

Generazione Robusto

Generazione Robusto

Sempre più spesso mi viene chiesto perché un “particolare” formato di sigaro viene dismesso o perché non viene più prodotto. Insomma mi viene chiesto se vi siano ragioni oggettive dietro tali azioni o scelte. Scopriamole…

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pin It on Pinterest

Share This