Quali formati di sigari sono i più venduti?

Editoriale

Posted On 08/09/2014

Il mondo dei sigari è da sempre in costante evoluzione, in movimento, le mode vanno e vengono così come i gusti degli appassionati. I produttori dal canto loro cercano di seguire quanto più possibile i cambiamenti nelle nostre abitudini e preferenze, a volte con fatica altre molto velocemente.

Succede così che nel tempo formati una volta in voga passino di moda o scompaiano del tutto. Alcuni timidamente ritornano, come il lancero, ma sono certamente molti di più quelli che vedono la luce per la prima volta.

Al di là delle decisioni commerciali che portano poi alla nascita di nuovi formati (vedi il Double Toro) mi sono spesso chiesto quali effettivamente siano le preferenze dei fumatori, specialmente oltre oceano dove il mercato detta le regole con cui poi noi comuni europei dobbiamo convivere.

Esistono, risultati di vendita a parte, dei dati da analizzare e con cui confrontarsi? Qualcuno si è mai preso la briga di stimare cosa effettivamente si fuma? Cigar Aficionado lo ha fatto.

Infatti su uno degli ultimi numeri di Cigar Insider (del luglio 2014) sono stati pubblicati i risultati di una survey annuale interessantissima. La survey è stata condotta presso i punti vendita di sigari della catena “brick-and-mortar” su tutto il territorio degli Stati Uniti.

Ai titolari dei punti vendita è stato chiesto di fornire tre scelte/indicazioni su tre tematiche diverse. La prima relativa ai brand più venduti nei loro negozi, la seconda ai brand più richiesti (a cui magari non corrispondono poi alte vendite) e per finire ai tre formati più venduti in assoluto. Fornendo tre scelte per ogni argomento le percentuali risultanti (globali) superano ovviamente il 100% come gli autori tengono a precisare.

Ovviamente questa survey non ha velleità universali ma fornisce una fotografia del mercato facilmente proiettabile a livello mondiale. Senza addentrarmi nelle classifiche dei brand trovo interessantissima quella relativa ai formati più gettonati e venduti sul mercato. Devo ammettere che mi ci ritrovo e rispecchia l’idea che mi sono fatto nel tempo, ma andiamo un secondo a leggere i dati:

2014 RETAILER SURVEY – Source: CIGAR INSIDER

BEST-SELLING SIZES

  • Toro 90.1%
  • Robusto 85.9%
  • 6×60 76.6%
  • Churchill 56.3%
  • Torpedo 34.4%

Fra le prime cose che emergono vi è la preferenza del mercato verso i Ring Gauge (diametri) di una certa importanza. Non è cosa nuova a dire il vero ma segnala che questo trend è ben saldo al comando e non mostra evidenti segni di cedimento. I formati “smilzi” hanno e avranno in futuro vita durissima, che ci piaccia o no!

Sicuramente fra le motivazioni vincenti vi è la percezione di noi consumatori (io mi metto nel mucchio) che tali formati siano un ottimo investimento monetario. Una sorta di “best buy for your bucks” come dicono gli americani e il nostro cervello, peraltro semplice, ragiona così: grosso diametro a parità di spesa = più tabacco = fumo di più = maggiore soddisfazione.

La realtà ovviamente è sempre diversa dall’immaginario ma è innegabile che questo meccanismo avvenga e piloti di fatto il mercato dei consumatori e dei produttori, non negate l’evidenza perché sono certo che anche voi, in un modo o nell’altro, ragionate così.

Assodato questo arriva la prima vera sorpresa. Avrei giurato e spergiurato che il Robusto e il Double Toro fossero i formati in assoluto più richiesti e venduti (1° robusto e 2° Double Toro) invece… nel 2014 è il formato Toro che stravince con il 90.1%.

Leggermente retrocesso, ma nemmeno di molto, arriva il Robusto con l’85.9% che guadagna la seconda posizione e per terzo l’immancabile Double Toro con il 76.6%. Ora senza fossilizzarsi sulle posizioni in classifica, direi che i primi tre formati sono di fatto le prime donne dell’intera produzione mondiale e sarei stato sorpreso di non vederli comparire ai primi posti della classifica.

La vera rivelazione è nel 4° posto dove compare un formato, il Churchill (con il 56.3%), che avrei giurato si vendesse pochissimo e fosse destinato ad essere soppiantato dal più moderno e modaiolo Double Toro. Evidentemente mi sbagliavo e, sebbene non sia nelle mie corde, gode di ottima salute e forma fisica.

Per cavillare un po’ questo formato storico ha perso molte delle sue caratteristiche originarie e nelle vesti più moderne si è modificato a favore di diametri più generosi (e qua ci si riallaccia al trend discusso inizialmente), che lo rendono spesso più simile al Double Corona che al Churchill vero e proprio… ma non stiamo a sindacare.

Al 5° posto l’unico figurado presente, il Torpedo con il 34.4%.

Al di là delle posizioni resto stupito invece dalla mancanza del formato “Short Robusto” che presumevo fosse un best-seller nelle vendite. In ogni dove si legge sempre che le preferenze odierne si orientano sempre più verso il “poco impegno” e il “poco tempo a disposizione” dovuto alla frenesia della vita quotidiana, ma evidentemente le cose non stanno proprio così.

Da noi il mercato è simile? Non so rispondervi onestamente ma so per certo che il Robusto è uno dei formati più diffusi e venduti, sia nel comparto cubano che in quello Nicaraguense, Honduregno e Dominicano.

Per i nostalgici dei formati “smilzi” come Petit Corona, Corona, Lancero? Tempi duri perché se permangono questi trend di mercato sono tutti destinati (salvo eccezioni) a diventare obsoleti e passare alla storia.

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Dal 25 al 27 settembre come ormai da tradizione anche quest’anno, presso Villa Magherini Graziani, a San Giustino (PG) torna il festival dedicato al tabacco, il “Cigar&Tobacco Festival”. Ci aspetta un viaggio fra aromi, essenze e spezie che vedranno come grande...

Generazione Robusto

Generazione Robusto

Sempre più spesso mi viene chiesto perché un “particolare” formato di sigaro viene dismesso o perché non viene più prodotto. Insomma mi viene chiesto se vi siano ragioni oggettive dietro tali azioni o scelte. Scopriamole…

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pin It on Pinterest

Share This