Enclave Churchill

Posted On 23/12/2015

Giuseppe Stucchi

Fumatore seriale, Facebook

Durante una delle piacevolissime visite di Andrea Zambiasi a casa mia, per una delle numerose e piacevoli fumate che ci concediamo, lui mi consegna un bellissimo sigaro. Si tratta di un Enclave Churchill di A.J. Fernandez. Me ne ha fatto gradito dono Nicola Seguino (a cui va un sentito ringraziamento) che fa parte della banda dei ragazzacci della CFLI (Compagnia Fumo Lento Insubria) di Varese.

Andrea mi chiede di scrivere le mie impressioni sulla fumata di questo sigaro. Io che sono un pigro per natura, tergiverso e prendo tempo, anche per farlo riposare un giusto periodo in umidor cosa che non guasta mai. Questa sera ho deciso di fumarlo e ritengo sia giusto e doveroso descrivere la fumata dando soddisfazione ad un amico come Andrea.

Il sigaro è, come già scritto, un Enclave Churchill A.J. Fernandez della lunghezza di 178 mm quindi un formato impegnativo, ma visto che ho la possibilità di fumare al caldo lo faccio anche se siamo in inverno. E’ decisamente un bel sigaro con una capa Habano Rosado dell’Equador con leggere venature, bella lucida con ottimi riflessi alla luce, e questo dovrebbe essere sinonimo di buona conservazione. Sulla capa denoto sentori di cioccolato e cedro, al piede cacao, cedro e pepe. La fattura è ineccepibile e il tiraggio ottimale.

All’accensione assieme a decise note di legno di cedro e spezie si fa sentire un pepe spettacolare che sferza e mette a dura prova la retroinalazione lasciando tracce piccanti sul palato, sulla lingua e sulle labbra. Dopo alcuni puff, a rendere più intrigante la fumata, arrivano piacevoli note di cioccolato con un mix di pelle e terra, cannella e uva passita che regalano dolcezza e cremosità al sigaro e che trasformano la fumata in un gioco godurioso e piacevole.

Sorprende l’equilibrio tra il piccante dato dal pepe e dalle spezie e le tonalità cremose e dolci che si fondono in un assieme armonico, dove si ha la sensazione di trovare ogni cosa al suo posto.

Enclave-ChurchillPiano piano le tonalità piccanti e pepate passano in sottofondo, pur rimanendo nella giusta misura, chiaramente avvertibili. Si esaltano ora la cremosità e la dolcezza pur in presenza di una intensità e corposità che va lentamente aumentando. In questa fase il cioccolato, l’uva passita e note caramellate conducono il gioco mentre il fumo si fa sempre più grasso e opulento.

Notevole anche la combustione che a metà sigaro è perfetta. Mi viene da pensare che siamo al punto di massima espressività del sigaro e, credetemi, è una vera goduria, ogni puff è un autentico piacere ma come in tutte le cose nulla è sempre uguale.

Il finale si preannuncia con un aumento dell’intensità e della forza che ora si attesta a medio-alta, subentrano note torbate, riprendono forza le spezie piccanti assieme al caffè nero che attenuano notevolmente, senza però escludere del tutto, la dolcezza che resta in sottofondo e che mantiene armonica la fumata, nonostante inizi a farsi sentire la carica nicotinica, comunque ancora ben bilanciata dal gioco degli aromi tuttora chiari e percepibili.

Verso la fine si presenta con un deciso aumento delle spezie piccanti, ancora un ottimo pepe e del caffè nero che si percepiscono ovunque: in retroinalazione, sul palato, sulla lingua e sulle labbra, appena appena smorzate da accenni cremosi e molto caramellati.

Gli ultimi puff denotano uno sbilanciamento su sapori amari e un poco acidi, ma siamo proprio alla fine. Il sigaro ha già dato il meglio di sé, siamo in presenza di un formato notevole, 2 ore circa, di fumata appagante e piacevole.

In conclusione A.J. Fernandez non si smentisce, siamo in presenza di un sigaro ancora una volta ben fatto, intenso e tonico con una buona evoluzione e buon bilanciamento tra sapori e aromi (a parte gli ultimi puff). Una fumata non da tutti però, da consigliare a fumatori che abbiano una media esperienza e, anche per loro, da non prendere sottogamba.

IL VERDETTO - MOLTO BUONO (VERY GOOD)

IL VERDETTO - MOLTO BUONO (VERY GOOD)

Nazione: Nicaragua


By: A.J. Fernandez


Manifattura:  Tabacalera Fernandez


Fascia: Ecuador Habano Rosado


Sottofascia: Cameroon


Ripieno: AJF Select Nicaragua e Nicaragua Piloto Cubano


Formato: 52 x 7 – Churchill


Body: Medium/Full

 

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Balmoral Añejo XO Gordito

Balmoral Añejo XO Gordito

L’adrenalinica espressività di questo Balmoral Añejo XO Gordito continua come non ci fosse un domani, emettendo tonnellate di fumo tanto da sembrare un diffusore di essenze. Ma cosa hanno usato al posto del tabacco?

Bellas Artes Maduro Robusto

Bellas Artes Maduro Robusto

Con un’opera d’arte bisogna avere il comportamento che si ha con un gran signore: mettervisi di fronte e aspettare che ci dica qualcosa. – Arthur Schopenhauer – e questo Bella Artes Maduro Robusto ne ha parecchie di cose da raccontare, a cominciare dal nome “Bellas Artes” o belle arti in italiano.

Arturo Fuente Don Carlos Personal Reserve Robusto

Arturo Fuente Don Carlos Personal Reserve Robusto

Come spesso accade con la Arturo Fuente anche per i Don Carlos Personal Reserve sembra scatti una sorta di omertà, o forse è solo marketing, ma in ogni caso i dettagli del blend non sono divulgati e non sono divulgate nemmeno eventuali differenze fra questo e l’Eye of the Shark. Quello che trapela è il fatto che il blend sembra sia una versione rivisitata di quello personale di Carlos Fuente Sr., il patriarca. Sti cazzi…

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Pin It on Pinterest

Share This