Il sigaro

Nazione: Rep. Dominicana

Manifattura: Tabadom

Fascia: Ecuador Habano

Sottofascia: Cubra Brasiliano

Ripieno: Cubra e Mata Fina Brasiliano, San Vicente – Piloto e Olor/Piloto Dominicano

Formato: 61/50 x 5 – Gran Perfecto

Body: Medium

Euro: 18,00

Il verdetto

IL VERDETTO - BUONO (GOOD)

La fumata

Dovete convenire che ha la stessa forma del personaggio di Obelix nell’omonima saga fumettistica, o se volete dei suoi menhir e l’associazione, anche se “quaglia” poco con il brasile, a me fa involontariamente sorridere.

Un perfecto indubbiamente strano perchè ad esempio le dimensioni del piede equivalgono a quelle di un robusto. Ne deduco che non vi sarà nessuna attesa perchè entri in combustione il ripieno, o perlomeno è quello che mi aspetto.

Del nuovo blend Escurio, o meglio della rivisitazione effettuata sul blend da Kelner, ne ho parlato in occasione della fumata del Corona Gorda. Un nuovo ballo sensoriale di cui ho apprezzato e compreso appieno il ritmo, diverso da quello originale ma altrettanto sensuale e divertente.

Ora sono curioso di provarlo in questo secondo nuovo formato, il perfecto agli steroidi, per scoprire se il nuovo blend riesce a conquistarmi anche in un formato ben più impegnativo, che raggiunge nel suo diametro massimo il ragguardevole valore di 61. Me cojoni!

Con insospettata facilità creo un braciere perfetto e prendo le prime boccate. La partenza è abbastanza dolce ma leggermente sbilanciata sulle spezie, densa ma anche leggermente dry. Un peccato veniale se vogliamo, perchè la forma conica del perfecto ne modificherà in breve tempo sia le caratteristiche organolettiche sia l’intensità di corpo.

Infatti quando entra in combustione sempre più tabacco l’Escurio Gran Perfecto si fa più terroso. Arriva resina, liquirizia davvero pronunciata, spezie e legno oltre ad una vena affumicata in sottofondo. Il pepe è presente in retroinalazione ma poco in bocca.

Una struttura niente male ve lo assicuro ma trovo comunque che al Gran Perfecto, in questo preciso momento, manchi globalmente di verve e di complessità. Sono doti fondamentali in un sigaro? A mio parere no, non del tutto perlomeno ma sicuramente aiutano ad appassionarsi alla fumata e/o a concentrarsi su di essa.

Peccato perchè passando dal Corona Gorda al Gran Perfecto avrei desiderato che l’incremento dimensionale ne generasse uno speculare nell’intensità espressiva. Chi visse sperando morì non si può dire… cantavano i Litfiba molto tempo fa.

Se il Corona Gorda è una Bossa Nova Brasiliana questo Escurio Gran Perfecto cerca di imitarlo, ma non riesce a stare allo stesso ritmo. Se devo azzardare un paragone danzante è come un ballerino, anzi una coppia di ballerini alla 22ma ora di una maratona di Bossa Nova. Cercano di mantenere il ritmo ma di fatto deambulano sostenendosi a vicenda e cercando di non cadere al suolo.

Non va bene. Intendiamoci è sicuramente un buon sigaro ma ci vuole ben altra intensità espressiva in questi diametri per tenere alta l’attenzione e stimolare il fumatore. My 2cents.

Arrivano note di cappuccino e marron glacè, accompagnate da un fumo decisamente vellutato e indubbiamente di gran classe se riuscite a percepire le sue nuance fruttate.

Raggiunto il massimo diametro ha un’impennata aromatica, risultando più presente sia al naso sia in bocca. Glory, glory hallelujah… ma devo comunque concentrarmi sul sigaro per non perdermi via. Devo… devo… purtroppo mi ritrovo a gingischiare sullo smartphone. Lo so sono una merdaccia, sigh!

Alla liquirizia iniziale si aggiunge il caramello e quando il diametro comincia di nuovo a restringersi emergono cacao e caffè. Il fumo però comincia ad asciugare il palato e noooo che sfiga un pezzo di foglia da fascia resta attaccato alla fascetta del sigaro mentre la stacco.

Direi che il mio feeling con questo sigaro non è il massimo. Si sta vendicando.

Il finale porta con se spezie latenti in sottofondo, un accenno di pane e sfumature tostate. Il resto precedentemente raccontato rimane a tutti gli effetti, se si scava nel profondo. Fortunatamente il progressivo restringimento del diametro del sigaro acuisce improvvisamente la liquirizia, il caffè, le spezie dolci e introduce una nota di frutta candita.

Sono sincero quando dico che ho difficoltà a decifrare e inquadrare questo Escurio Gran Perfecto. Sono dibattuto perchè ha delle indubbie qualità positive ma anche una generale rilassatezza e poca profondità espressiva che a mio giudizio ne limita il godimento. Se considero poi l’esborso richiesto trovo giusto che si possa pretendere di più…

The smoke

You must agree that this cigar has the same shape of Obelix of the homonymous comic saga, or if you prefer of his menhirs and the association, although it has little to do with Brazil, makes me smile involuntarily.

An undoubtedly unusual perfecto because the foot has the same diameter of a Robusto. I assume that there will be no waiting for the filler’s contribution, or at least is what I expect.

About the new Escurio blend, or rather the revision made on the blend by Kelner, I talked during the Corona Gorda‘s review. A new sensorial dance which I appreciated and fully understood the rhythm, different from the original one but as much sensual and fun.

Now I’m curious to try it in this second new format, the perfecto with steroids, to find out if it can also conquer me in a more demanding format, which reaches on its maximum ring gauge the huge value of 61.

Easily I create a perfect brazier and take the first puffs. At the starting point and beyond is quite sweet but slightly biased on spices, dense but also dry. A venial sin to be honest, because the conical shape of the perfecto will change the intensity of flavors and tastes in a while.

In fact when increase the amount of burning tobacco the Escurio Gran Perfecto becomes more earthy. Arrives resin, pronounced licorice, spices and wood as well as a toasted hint in the background. The pepper is present on retrohale but not in my mouth.

Not a bad texture at all, believe me, however this Grand Perfecto at this point is lacking energy and complexity. Are these essential qualities in a cigar? In my opinion no, not at all at least but they sure helps to get passionate to the smoke and focus on it.

Bad because passing from Corona Gorda to Grand Perfecto I would have wished that the increase in size generate a mirrored increase in expressivity.

If the Corona Gorda is a Brazilian Bossa Nova the Grand Perfecto tries to imitate it but can not keep the same rhythm. It’s like a dancer, or even better a pair of dancers at the 22th hour of a Bossa Nova marathon. They try to dance but more realistically they wander supporting each other and trying not to stumble.

It’s not fair. Mind you it is definitely a good cigar but these diameters need quite another expressive intensity to keep the attention and stimulate the smoker. My 2Cents.

Time to cappuccino and marron glacé notes, accompanied by a very velvety and classy smoke if you are able to get its fruity nuances.

Reached the maximum diameter aromas and flavors explode and are more present both in the nose and in the mouth. Glory, glory hallelujah … but I still have to concentrate on the cigar to not lose the way. I must be concentrate… must… I’m losing time playing on my smartphone. Mother fucker!

Licorice is added to the initial caramel and when the diameter begins to shrink again they lay over a cocoa and coffee core. But the smoke begins to dry the palate and… noooo, a piece of wrapper’s leaf keep attached to the cigar’s band.

I would say that my feeling with this cigar is not the best. It’s taking its revenge.

The final part brings latent spices in the background, a hint of bread and toasted nuances. All the rest remains if you dig deep. Fortunately the progressive narrowing of the diameter sharpens licorice, coffee, sweet spices and introduces a hint of candied fruit.

I am sincere when I say I find this Escurio Grand Perfecto difficult to understand. I’m in a state of uncertainty because it has positive qualities but also lack deepness in expression which in my opinion limits the enjoyment. If we consider the price tag required, rightly we want more…

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.

Pin It on Pinterest