Tatuaje – un nome stranissimo se abbinato a dei sigari, il nome di uno dei boutique brand più in auge e desiderato del momento, creazione del prolifico “Tattoo Pete“, aka Pete Johnson. Un personaggio atipico di questo mondo, più vicino ad un rockettaro tatuato (lo era in realtà) che ad un “Cigar Maker”, ma dalle indubbie capacità imprenditoriali. Molte delle sue linee hanno nel tempo collezionato numerosi riconoscimenti ed il suo nome è indissolubilmente legato a quello di Don Pepin Garcia e alla My Father Cigars.

Un sodalizio commerciale ma più ancora umano, fatto di sincera amicizia e rispetto, tanto da essere considerato un figlio adottivo del mitico Pepin. Il binomio e la collaborazione che li lega ha decretato il successo di entrambe le entità ma Pete si è spinto più in la, reintroducendo sul mercato americano moduli oramai scomparsi e tipici del comparto cubano (parlo dei Double Corona, dei Lancero, dei Perla, dei Mareva…) quando tutti si orientavano verso i “big size” e oltre. Tradizione dicevo ma anche innovazione e nuovi modi di concepire il “cigar marketing”, la sua “Monster Series” ne è una dimostrazione lampante.

Oggi ci troviamo al cospetto di un piccoletto, nato nel 2010 per offrire una veloce fumata in pieno stile Tattoo Pete, il Petite Cazadores Reserva della linea originaria del brand Tatuaje, la “Seleccion de Cazador” o Brown Label… anzi no è della linea Reserva… anzi… lo è di entrambe perchè è una variazione della prima! Confusione tremenda.

Ironia a parte la confusione nasce dalla fascetta che è la stessa della linea “Seleccion de Cazador”, e dal blend che è lo stesso ma si differenzia per la foglia da fascia Connecticut Broadleaf, invece della consueta Ecuadorian Habano utilizzata per tutti i Brown Label. Ma anche dal fatto che nella stessa linea “Reserva” si trovano comunque realizzazioni dotate di fascia Ecuadorian Habano come il Gran Cojonu, i Cojonu e la serie figurado RC che coesistono con altre dotate della Connecticut Broadleaf come il Tatuaje 7th Reserva, il Tatuaje Petite Reserva ed il nostro Tatuaje Petite Cazadores Reserva… mah! Senza considerare che il nostro è prodotto in Nicaragua mentre altri a Miami. Ci rinuncio…

Sulla fascetta ho anche un aneddoto simpatico da raccontare. Durante un’intervista a Pete Johnson gli fu chiesto perchè avesse, vista la fantasia imperante, optato per una fascetta molto semplice ed anche bruttellina e lui serafico rispose: “Agli inizi non volevo nemmeno dotare i miei sigari di una fascetta ma in molti mi dissero che veicolare e identificare un prodotto con un nome è tutto in questo mondo. Mi decisi a creare una fascetta e allora optai per una piccola, brutta e poco appariscente perchè non volevo che la fascetta distraesse da ciò che è veramente bello, il sigaro stesso.

Tatuaje-Petit-Cazadores-Reserva-2Finito di divagare. Il sigaro si presenta meravigliosamente realizzato, una veste color cioccolato fondente scura, oleosa con solo qualche piccola venatura in evidenza ed una curiosa finitura del piede che si presenta chiuso dalla foglia da fascia. A crudo si percepisce cacao, spezie dolci e sentori pungenti di buon tabacco ben maturato, nulla di sconvolgente o rivoluzionario ma alza le aspettative sulla fumata che verrà.

Accenderlo è questione di un attimo e subito il Petite Cazadores Reserva regala un fumo copioso ed una sferzatina iniziale pepata giusto a ricordare che di Nicaragua e di stile “Pepin” si tratta dopo tutto. La sferzatina non permane a lungo e si assesta in sottofondo, gentilmente e pacatamente per regalare lo spazio a sentori cioccolatosi, di spezie dolci, di caffè e carnosi di pelle o se vogliamo di carne vera e propria, mi verrebbe da sottolineare. Il gentile sottofondo pepato non sparisce mai del tutto ma accompagna tutta la fumata fino poi a riemergere quasi alla fine del sigaro.

Questo impianto gustosissimo e piacevole non si stravolge mai ne cambia gioco, ma si ispessisce con il progredire del braciere. Senza mai scomporsi o sbilanciarsi sul palcoscenico aromatico arriva poi l’assolo delle spezie dolci che dominano, assieme al pepe, la parte finale della fumata.

Un piccoletto sicuramente tonico e di corpo ma di media forza, una sorta di animo gentile e dannato che si fa apprezzare. Una dote, una qualità che lo rende uno splendido compromesso per una fumata degna di ogni occasione ivi compresi i dopo cena.

Il Tatuaje Petit Cazadores Reserva ha saputo costruirsi una solida reputazione fra i fan del brand Tatuaje e a mio giudizio meritatamente. Una grande fumata che arriverà anche nelle nostre tabaccherie ad un prezzo alla portata di tutte le tasche. Un modulo elegantissimo (a cuba lo si conosce come Perla) e facile da gestire, una fumata breve ma di sostanza che non vi farà mai rimpiangere i moduli più grossi.

W Tatuaje!

Scheda tecnica

  • Origine: Nicaragua
  • Fabbrica: My Father Cigars S.A.
  • Formato: 40 RG x 4″
  • Fascia: Connecticut Broadleaf USA
  • Sottofascia: Nicaragua
  • Ripieno: Nicaragua
  • Forza: Media
  • Prezzo: 5,00€
  • Confezionamento: Cabinet da 50 sigari – 250€
  • Importatore: Cigars & Tobacco

VALUTAZIONE – 92 – ECCELLENTE

SIGARO ECCELLENTE

Pin It on Pinterest