Joya_Dark_corojo_el_martillo_1Il rientro dalle ferie e la ripresa dell’attività lavorativa è sempre una situazione complicata, la mente è ancora in vacanza e si fatica a riprendere vecchi meccanismi. La routine lavorativa stenta a riaffiorare ma pian piano, con fatica, si intravede la luce all’uscita del tunnel. Lo stesso accade perfino con il blog che non tocca la sfera lavorativa ma passionale… che ci volete fare siamo esseri umani e non macchine. Decido quindi di inaugurare il rientro dalle ferie con una bella fumata e relativa recensione ma ecco che, scorrendo varie fonti di informazione online, scopro che il buon José Blanco, a fine mandato biennale con Joya de Nicaragua, lascia definitivamente la vice presidenza del brand e torna in Repubblica Dominicana. Resto basito e incredulo ma non posso conoscere le profonde motivazioni che spingono a tali atti così, dopo scambi di messaggi di solidarietà via Twitter con Josè, a titolo di ringraziamento ecco che si forma l’idea di dedicargli una fumata di un sigaro del suo “vecchio” brand. Rientrato a casa dal lavoro e consumata la cena con tutta la famiglia frugo nel mio piccolo humidor con un velo di tristezza che non vuole abbandonarmi. Non trovo uno dei suoi CyB (linea da lui creata) così opto per un bel Dark Corojo El Martillo che è pur sempre un Joya de Nicaragua.
In passato avevo già recensito il piccoletto della serie, l’Azarosa, poi il “Titano” La Pesadilla e devo ammettere che tutta la linea si caratterizza per una ricchezza della ligada al di sopra della media. Basta annusare il piede del sigaro, anche a distanza credetemi, per percepire subito profondi e ricchissimi aromi di terra, fruttati, speziati e cioccolatosi. Non lasciano dubbi sulla qualità ed imponenza della fumata che seguirà.
Tutti i moduli della linea, anche quelli non importati, hanno nomi altisonanti e un po’ inquietanti come Incubo, Pericoloso o Il Martello che è oggetto della nostra fumata. Se un nome fosse foriero del carattere ci troveremmo davanti a fumate devastanti e potentissime invece sono… potenti (scusate il gioco di parole) ma anche gestibilissime.
Certamente non sono sigari adatti a che predilige fumate leggere e delicate ma a coloro che, come me, amano corpo e gusto ai massimi livelli non si può che finire per amarli e godere delle sensazioni che ci regalano.
L’accensione è tutta un programma e degna del nome che porta, una sferzata di pepe e spezie che sorprende. Una vera martellata degna del mitico “Mjöllnir”, il martello di Thor figlio di Odino, personaggio dei fumetti Marvel che tanto amavo leggere da ragazzo. Un’arma degli Dei forgiata con il mitico composto di un materiale chiamato Uru, un minerale originario di Asgard con caratteristiche intermedie tra quelle della roccia e del metallo e dotato della capacità di assorbire energia e magia. Ma non divaghiamo e restiamo nella realtà anche se le similitudini non sono poi così lontane…perchè? Perchè si narrava che il Mjölnir fosse in grado di colpire quanto fermamente volesse, qualsiasi fosse il suo bersaglio, non avrebbe mai fallito ne mancato un colpo. Esattamente come il nostro sigaro, non ha incertezze ne tentennamenti e va subito al sodo dichiarandosi apertamente con un linguaggio chiaro, espressivo, forte e diretto… un animo fiero e Dark.
Joya_Dark_corojo_el_martillo_2La sua pienezza di corpo fin dagli inizi è stupefacente, legno di sottofondo e terra predominante con una dolcezza speziata e mielosa, quasi fruttata a deliziare il palato. Una vaporiera aromatica anche per la quantità strabiliante di fumo che è in grado di generare, perfino dalla testa recisa che sembra animata di vita propria e sbuffa copiosamente. Se fumate in balcone attenzione che i condomini non chiamino i pompieri…
Dalla martellata iniziale e con una costanza notevole il pepe e le spezie si acuiscono durante la fumata, assieme ad una crescente cremosità piacevolissima. Il fumo comincia a diventare quasi burroso, quasi masticabile ed è un piacere ammirare le dense volute che fluttuano nell’aria.
Fumarlo non vi farà sicuramente passare inosservati anche per la sua forte presenza aromatica… chi fuma un Dark Corojo è percepibile a distanza, credetemi… non occorre avere il senso dell’olfatto di un Coguaro, basta avere un comune naso umano!
Verso la parte centrale si ha ancora un incremento sostanziale delle spezie e del pepe, riemerge più chiaramente il legno, compare la pelle e diventa carnoso e sensuale. La sensazione globale si avvicina molto al sorseggiare un buon Sherry, suona strano lo so ma è da provare. Piano piano arrivano anche le prime note tostate e di nocciola e si è rapiti completamente da questa potente, speziatissima ma bilanciata fumata.
Non esistono molti sigari in commercio dotati di simile tonicità ed espressività ed anche se non saranno mai fumate per tutti i palati e tutte le occasioni, sono e restano un meraviglioso esempio di cosa si possa realizzare con tabacchi selezionati e invecchiati a dovere, assieme all’esperienza di un capace master blender.
La parte finale del sigaro vede attenuarsi la sua componente pepata ed ora le note tostate e di caffè, la dolcezza caramellata diventano preponderanti. La fumata diventa assolutamente maschia e carnosa, forte e possente, degna del figlio di Odino e di un mondo tabacalero a cui non tutti i manufatti possono dire di appartenere.
Retaggio di un passato illustre dove ai sigari si chiedeva questo è un sigaro vero, sincero, pieno, forte ma aromaticissimo e bilanciato. Nel suo DNA abbiamo anche costanza produttiva e costi contenuti.
Un difetto? Lo ripeto forse non per tutti i palati ma provatelo e guidicate voi stessi.
Della triade importata trovo che il più centrato e gestibile sia l’Azarosa, che considero la miglior porta di ingresso al mondo Dark Corojo. Seguito sicuramente da El Martillo in un modulo fruibile a cavallo del mondo Robusto/Toro per arrivare poi all’universo delle emozioni forti che tanto mi hanno stregato… La Pesadilla… e il vostro lato “Dark” qual’è?

 

Scheda tecnica

  • Origine: Nicaragua
  • Fabbrica: Fabrica de Tabacos Joya de Nicaragua S.A.
  • Fascia: Nicaragua Corojo
  • Sottofascia: Nicaragua
  • Ripieno: Nicaragua – 75% Ligero
  • Formato: El Martillo – 5.5” x 54 RG
  • Forza: Forte
  • Costo: 7,50€
  • Importatore: Cigars & Tobacco – Lubinsky

VALUTAZIONE – ECCELLENTE

SIGARO ECCELLENTE

Pin It on Pinterest

WhatsApp WhatsApp me