Paradiso Papagayo

Posted On 06/06/2013

Paradiso-Papagayo-1Non so spiegarlo razionalmente ma sono sempre stato convinto che la vitola Papagayo potesse, in qualche modo, rappresentare egregiamente il brand Paradiso. Sarà perchè il nome richiama il pappagallo della fascetta, sarà per una certa eleganza del formato, che non eccede esageratamente nelle dimensioni complessive, o forse era solo una mia ingenua speranza.
Disilluso? (sono certo che ve lo state chiedendo…)
Assolutamente NO!

Reputo che il Papagayo incarni l’essenza stessa di un grande sigaro, ne possiede le qualità principali che lo proiettano in un altra sfera tabacalera dove i grandi sigari stimolano i sensi e la fantasia come non mai. Fa emozionare già ad un primo esame visivo grazie alla sua foglia da fascia scura, liscia, oleosa e perfettamente stesa che si sposa magnificamente alla meravigliosa fascetta che lo cinge, donandogli una certa imponente eleganza che non passa inosservata… è bello, è una gioia visiva.

Paradiso-Papagayo-2Emoziona con la sua beltà anche nell’esame a crudo con profondi sentori di terra, cioccolato e spezie dolci del piede. Spezie quasi asiatiche che mi ricordano il “Paradiso Minutos” precedentemente fumato. Emoziona per quella sua sensuale sensazione pepata che riveste il palato e carezza le labbra. Ci si perde, ci si abbandona al piacere che queste sensazioni regalano ma è all’accensione che ci proietta in un altro universo, un universo parallelo dei sensi, un universo di fantasia dove ci si ritrova librati in aria. Si vola sostenuti da ali multicolori, dai riflessi cangianti, mosse da una forza decisa e immediatamente percepibile. Intorno a noi il profumo dell’aria è saturo di essenze di legno pregiato, il legno delle lussureggianti foreste verde smeraldo che stiamo sorvolando. Ma anche di terra, del terreno fertile che ospita queste foreste, e di spezie come il pepe ed il cardamomo, cullati nel nostro volo da una dolcezza suadente, una dolcezza che ti accarezza gentile.

Si continua a volare fino a che il paesaggio cambia, le verdi vallate lasciano il posto a campi coltivati dalla mano dell’uomo, dove gli aromi di terra si acuiscono ed emergono sentori carnosi, di pelle quasi si riuscisse a percepire l’odore degli animali al lavoro e le ali, le ali continuano a essere mosse da una inspiegabile ma decisa forza, non si percepisce stanchezza anzi aumentano il battito, non vi sono indecisioni è un volo tranquillo sulle correnti ascensionali dei nostri sensi. Si sogna e lo si fa ancora di più quando la cremosità si schiude e si viene deliziati da una dolcezza di frutta secca che ci accompagna nell’ultima parte del nostro meraviglioso viaggio.

Un viaggio dove il paesaggio è in mutamento costante ed ora si sorvolano piantagioni di caffè di cui percepiamo i sentori tostati, quasi cioccolatosi che si fondono in un tripudio di cremosità speziatissima, la pelle resta sorniona in sottofondo a deliziare la palette aromatica. Un volo finale carnoso e sensuale, forte a tal punto che da quasi alla testa e quando si plana e si arriva a destinazione si è rammaricati che sia tutto finito. Il cuore e la mente restano quasi increduli, incapaci di accettare il termine del nostro viaggio nei sensi e nelle emozioni, ma piano piano emerge la consapevolezza di poterle rivivere perchè sappiatelo, in questo mondo Extraordinario si ha la fortuna di poter riprovare le stesse sensazioni e credetemi, non è cosa da poco ne scontata.

Ne ho sentite molte su questo sigaro fin dalla sua presentazione, chi asseriva fosse troppo forte (come se fosse un demerito e non una sua caratteristica), chi troppo altalenante nelle sue espressioni aromatiche e via dicendo. Io non voglio entrare nel calderone o assurgere al ruolo, che non mi si addice, di garante o giudice ma dico solamente che è un gran sigaro, un sigaro da amare e in cui abbandonarsi. Certo recensire o fumare un sigaro sono due cose distinte e non sempre regalano le stesse sensazioni ma se lo si fa, se ci si abbandona, se lo si ascolta, allora vi regalerà emozioni bellissime come è successo a me. Provatelo e sappiatemi dire…

Scheda tecnica

  • Origine: Nicaragua
  • Fabbrica: My Father Cigar
  • Formato: 55 RG x 5.75″
  • Fascia: Nicaragua
  • Sottofascia: Nicaragua
  • Ripieno: Nicaragua
  • Forza: Medio-Forte
  • Costo: 8.00€
  • Importatore: Cigars & Tobacco – Lubinsky

VALUTAZIONE – 93 – ECCELLENTE

 SIGARO ECCELLENTE

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Balmoral Añejo XO Gordito

Balmoral Añejo XO Gordito

L’adrenalinica espressività di questo Balmoral Añejo XO Gordito continua come non ci fosse un domani, emettendo tonnellate di fumo tanto da sembrare un diffusore di essenze. Ma cosa hanno usato al posto del tabacco?

Bellas Artes Maduro Robusto

Bellas Artes Maduro Robusto

Con un’opera d’arte bisogna avere il comportamento che si ha con un gran signore: mettervisi di fronte e aspettare che ci dica qualcosa. – Arthur Schopenhauer – e questo Bella Artes Maduro Robusto ne ha parecchie di cose da raccontare, a cominciare dal nome “Bellas Artes” o belle arti in italiano.

Arturo Fuente Don Carlos Personal Reserve Robusto

Arturo Fuente Don Carlos Personal Reserve Robusto

Come spesso accade con la Arturo Fuente anche per i Don Carlos Personal Reserve sembra scatti una sorta di omertà, o forse è solo marketing, ma in ogni caso i dettagli del blend non sono divulgati e non sono divulgate nemmeno eventuali differenze fra questo e l’Eye of the Shark. Quello che trapela è il fatto che il blend sembra sia una versione rivisitata di quello personale di Carlos Fuente Sr., il patriarca. Sti cazzi…

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Pin It on Pinterest

Share This