Ecco, ci siamo… Concentrati… Velocità, sono pura velocità. Un vincitore, 42 perdenti: i perdenti io me li mangio a colazione. Colazione? Forse avrei dovuto fare colazione, ora mi sentirei meglio… No no no no, resta concentrato… Velocità… Sono più che veloce. Sono più che rapido, sono una saetta!
[cit. CARS – personaggio: Saetta McQueen]

Amo pazzamente il film Cars della Pixar Animation Studios, geniale la storia e spettacolare la sua realizzazione e lo rivedrei decine di volte senza mai stancarmi. Per la verità lo sto già facendo perchè è anche uno dei preferiti dei miei figli.

In Cars il personaggio principale è Saetta McQueen, una novellina Dodge Viper sempre pronta a sgommare e sfrecciare a tutta velocità. In questo il CAO Flathead V642 Piston gli somiglia molto e non solo per la similitudine del nome “Piston” con la mitica “Piston Cup” del film o per il filone “muscle car” Americane e le corse automobilistiche. Entrambi hanno in comune l’irruenza giovanile e la capacità di sorprendere con partenze brucianti.

Il CAO Flathead V642 Piston, scuro come la notte e dalle opulenti note di cacao e terra del piede, ha infatti una partenza degna di una corsa a Daytona, disarmante, adrenalinica e velocissima. All’accensione del piede infatti si scatena il “motore” che comincia a ruggire potente sotto il cofano per poi scatenare tutti i cavalli al semaforo verde che scatta un millisecondo dopo.

Nessuna avvisaglia ne mezze misuro, un interruttore che ha una sola posizione ovvero “ON a tutta manetta” e questa cosa mi fa godere come un matto!

Il pepe comincia a lavorare nelle cavità nasali come un’iniezione di nitro-metano sparata direttamente dalle narici verso il cervello ma la cosa più stupefacente è che non da fastidio anzi diverte e dà subito la percezione di quale sia il suo carattere. Come del resto fa una macchina da corsa…

Il CAO Flathead V642 si apre subito su opulentissime note di cacao e lievi di legno, terra, spezie e su una dolcezza inaspettata mentre il fumo profuma di cardamomo. Tutto è permeato, avvolto da un “non so chè” di affumicato su cui poi si innesta anche la pelle.

Tonico, decisamente tonico ma piacevolissimo. Non è particolarmente complesso, non è peraltro un difetto grave, e nemmeno bilanciatissimo a voler vedere ma riesce comunque ad essere decisamente gradevole e gustoso.

Ripeto non li trovo difetti gravi infatti me la godo a tal punto che mi ritrovo alla guida non di una macchina da corsa, ma di uno splendido Ford Mustang V8 cabrio lanciato a tutta velocità su un infinito rettilineo nel deserto. CAO Flathead in bocca, mani sul volante, musica rock a palla e l’aria che mi scompiglia i capelli… spettacolo!

Hmmmmm… fermi. Avete ragione, forse sto esagerando un tantino. Non avendo praticamente capelli come cacchio possono scompigliarsi? Non ho nemmeno un riporto o un trapianto di Cesare Ragazzi. Ok, ok togliamo la parte dello scompigliare i capelli, sigh, il resto però rimane e voi andate a cagare perchè state indubbiamente rimarcando i mie difetti.

Torniamo al sigaro. Il comparto spezie comincia la sua ascesa al ruolo primario mentre un fumo delizioso oltre che profumatissimo acquista nuove note agrumate.

Non so per quale motivo ma la texture globale che si crea a me ricorda pazzamente una pietanza indiana molto speziata, il “chicken Tandoori”, un popolare piatto a base di pollo arrosto, yogurt e spezie di cui ho fatto letteralmente scorpacciate nel mio viaggio nel meraviglioso paese chiamato India.

Il V8 o V10 se preferite continua a ruggire sempre più “bold”. Non è sicuramente un sigaro adatto ad essere acceso in qualsiasi momento della giornata, meglio dopo i pasti e non pasti normali, piuttosto delle grigliate pantagrueliche innaffiate da vasche da bagno di birra.

Avvicinandosi alla parte centrale risulta leggermente scomposto al palato con delle note amaricanti un po’ troppo sopra le righe e che stonano sul resto. Una volta entrati nella parte centrale il motore abbassa i giri, il pepe si smorza ed il cacao si attenua lievemente.

Globalmente risulta leggermente erbaceo ma poi arrivano note di caffè e caramello a risollevare la situazione, su un sottofondo terroso e intriso di cacao oltre che dotato di una leggera acidità fruttata.

Si fa comunque voler bene malgrado mi lasci la sensazione di “desiderare” qualcosa in più da lui, come se non fosse riuscito a raccontarmi tutto. In compenso cresce notevolmente in intensità di corpo, aromi e gusti compensando questa pseudo “psicologica” mancanza con gratificazione sensoriale.

Tac… tac… schiocchi sordi sul mio taccuino. Gocce di pioggia lasciano macchie bagnate sulle pagine e quasi non me ne accorgevo, perso nella mia corsa nel deserto.

Per un breve momento la pelle spicca sul resto evidenziando, malgrado non sia necessario, il suo DNA maschio ma ben presto le spezie riprendono saldamente il volante guidando la corsa fino al traguardo, al finale del sigaro.

Un traguardo che ha il netto sapore del caffè amaro e ovviamente delle spezie ma l’impianto raccontato finora è sempre presente, seppur con minore intensità, come la diffusa dolcezza al cacao.

Insomma un sigaro “da corsa”, con qualche difettuccio ma tanto, tanto gustoso e godibile. Sicuramente non è un’eccellenza ma nemmeno un sigaro da dimenticare a patto naturalmente di amare l’intensità e le emozioni forti.

ENGLISH REVIEW

Okay, here we go. Focus. Speed. I am speed. One winner, forty-two losers. I eat losers for breakfast. Breakfast? Maybe I should have had breakfast? Brekkie could be good for me. No, no, no, focus. Speed. Faster than fast, quicker than quick. I am Lightning.
[cit. CARS movie – Lightning McQueen]

I madly love the movie Cars from Pixar Animation Studios, a brilliant story and a spectacular creation which I would watch dozens times without ever getting tired. Well to be honest I’m already doing it because it is also one of my children’s favorite movie.

The main character of Cars is Lightning McQueen, a rookie Dodge Viper always ready to burn rubber and drive at full speed. In this the CAO Flathead V642 Piston looks like him a lot and it’s not for the name “Piston” that resemble the legendary “Piston Cup” of the film or the “muscle car” concept and the American races.

Both have in common the youthful impetuousness and the ability to surprise you with fast & furious start.

The CAO Flathead V642 Piston, dark as night with opulent notes of cocoa and earth at the foot, has in fact a start worthy the Daytona race, disarming, adrenalinic and fast. Light up the foot turn on the “engine” that start to powerfully roar into the bonnet and then unleash all the horses when the light signal turn green a millisecond later.

No half measures here, it’s like a switch that has a single position: “ON at full throttle” and this makes me crazy! (Love it!)

Pepper begins to work in the nose like an injection of nitro-methane, fired directly from the nostrils to my brain, but the most amazing thing is that it’s not unpleasant but funny indeed giving you the exact perception of how its character is. Like a race car …

The CAO Flathead V642 immediately opens on opulent notes of cocoa and hints of wood, earth, spice and an unexpected sweetness while the smoke smells of cardamom. At the same time everything is enveloped by a “something” smoky and then leather comes.

Bold, surely bold but definitely pleasant. It is not particularly complex nor extremely balanced however it still manages to be very pleasant and tasty.

I’m enjoying it so much that I find myself driving not a racing car but a beautiful convertible Ford Mustang V8 launched at full speed on a straight desert road. A CAO Flathead in my mouth, hands on the steering wheel, loudly rock music and the air that ruffles my hair … Simple pleasure!

Hmmmmm … stop. You are right, maybe I exaggerated too much. If I don’t have any hair how they can ruffle? Ok, ok I get off this part, sigh, but the rest remains and fuck you because you are undoubtedly looking at my flaws.

Let’s go back to the cigar. Now I find spices that begins to catch a primary role while its delicious smoke acquire new citrus notes.

I do not know why but the overall texture reminds me the spicy “Tandoori chicken”, a popular dish of the Indian cuisine made with roasted chicken, yogurt and spices. During my last trip to this wonderful country called India I eated tons of it.

The V8 engine, or V10 if you prefer, continues to roar more and more “bold”. It’s definitely not a cigar for any time of the day, much better after a meal and not a quite normal meals, rather a gargantuan BBQ washed with tubs of beer.

Close to the middle part the CAO is slightly unbalanced on the palate with bittering notes a bit too “over the top” that clash with the rest. Once I get into the middle the engine lowers rpm with pepper and cocoa fades slightly.

Globally it is more herbal but in a meanwhile notes of coffee and caramel come to solve the situation, all on an earthy background deeply infused with cocoa and equipped with a light fruity acidity.

I’m feeling like “want more” attitude, like a story that could not tell you everything. Despite my feeling the CAO Flathead significantly grows in body, flavors and tastes compensating my “mental” lack with a sensorial gratification.

Tac … tac … raindrops deafly knock on my notebook leaving wet spots on the pages. I did not notice it almost, lost in my desert race driving this wonderful convertible Ford Mustang.

For a while the leather note stands out on the rest highlighting, although it is not necessary, its male DNA but soon the spices firmly grab the steering wheel driving the race to the end, the final part of the smoke.

An end that taste of bitter coffee and of course spices but the texture reported so far is always present, albeit with less intensity, as well as the cocoa widespread sweetness.

In short a “race” cigar for sure, with some minor faults but very, very tasty and enjoyable. Definitely not an excellence but not even a cigar to forget only if you love boldness and strong emotions of course.

 

Nicaragua

Nicaragua

IL VERDETTO - MOLTO BUONO (VERY GOOD)
  • Full

Ring Gauge

Pollici

MANIFATTURA - FACTORY

STG Estelí

FASCIA - WRAPPER

Connecticut Broadleaf

SOTTOFASCIA - BINDER

Ecuador Connecticut

RIPIENO - FILLER

Nicaragua Ligero e Piloto Cubano Ligero

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.

×

Pin It on Pinterest

Share This