Giuseppe Stucchi

Fumatore seriale, Facebook

Master blender: Rick Rodriguez

Il nome “Pilón” di questo sigaro deriva da una tecnica di fermentazione, utilizzata a Cuba nel 1800, e che consisteva nel disporre i tabacchi in forma circolare (detta Pilone rotondo) che portava a fermentazione il tabacco in 18 mesi (tecnica non più utilizzata oggi per problemi di costi) e che conferiva alle foglie di tabacco il massimo dei sapori, degli aromi e del colore.

E stata riscoperta e riutilizzata da Rick Rodriguez per la fermentazione dei tabacchi utilizzati per questo sigaro.

A mio parere il risultato è degno di nota. Lo sto fumando e mi colpisce per la sua intensità e corposità, la precisione e la chiarezza degli aromi: cedro, spezie fruttate, cacao, fichi secchi e datteri che si esprimono su un fondo dolce e vellutato il tutto contrappuntato da un pepe morbido e leggermente piccante che risulta delizioso al retronasale e persistente al palato.

Di media complessità e forza, sorprende per il perfetto bilanciamento tra sapori e aromi e per l’armonia d’insieme che esprime. Buona anche l’evoluzione che si nota di più dopo il primo terzo. Un sigaro molto buono che si può consigliare a tutti e, in un formato più piccolo, (robusto e corona) adatto a ogni momento della giornata.

CAO Pilón Loté Pequeño Churchill

Nicaragua

Nicaragua

IL VERDETTO - MOLTO BUONO (VERY GOOD)
  • Medium

Ring Gauge

Pollici

MANIFATTURA - FACTORY

STG Estelí

FASCIA - WRAPPER

Ecuador Habano

SOTTOFASCIA - BINDER

Nicaragua

RIPIENO - FILLER

Nicaragua

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.