Conoscete gli AVO Domaine?

Sulla storia degli Avo Domain ho raccontato ampiamente nella recensione del No.20, in cui sottolineavo che questa linea era a tutti gli effetti il blend personale dello stesso Avo Uvezian. La sua personale creazione che rispecchiava il suo ideale di fumata, un ideale forse troppo “antico” per i gusti moderni ma pur sempre una gran bel blend. Un grande classico senza dubbio, prodotto da tempo immemore e degno portabandiera di un brand molto apprezzato nel mercato italiano.

Tralasciando la fascia che arriva dal lontano Equador tutti gli altri tabacchi provengono, o provenivano, da una piantagione privata di proprietà dello stesso Avo Uvezian, da qui il nome Domain.

Puff-O-Rama

Trovo sia sempre un piacere accendere un AVO Domain e questo No.10 non fa eccezione. Da subito eleganti note di legno appoggiate su un sottofondo lievemente dolce, speziato e mielato con, in questo robusto, una decisa connotazione di polvere di cacao. Un effetto particolare e decisamente piacevole che unito alla dolcezza candita che resta sulle labbra contribuisce non poco al piacere globale generato.

La sua espressività aromatica è già su un discreto livello di intensità, ma è davvero bilanciato ed elegante. Latenti in sottofondo avverto note più maschie di pelle e terra, ma il loro essere appena accennate dona giusto quello zic in più a una fumata che al momento ha nelle note dolci e speziate la sua caratteristica principale.

Una elegante componente pepata lavora decisa al naso e contrasta con la suadente dolcezza al palato. Verso la parte centrale la fumata prende una discreta nota di nocciola e di cremosità anche se al palato un percepibile effetto dry tende ad asciugare la salivazione. Nulla di trascendentale comunque, la piacevolezza della fumata rimane alta anche se non indimenticabile.

Qua e là fanno capolino note più affumicate e tostate che non riescono al momento a modificare realmente la sua espressività.

Morbidezza ed eleganza regnano indubbiamente sovrane, mentre l’effetto dry tende fortunatamente ad affievolirsi. Questo Domain No. 10 è un sigaro da relax, di ottima struttura e finezza sensoriale a cui forse manca un po’ di verve per eccellere realmente. Questa ovviamente è una mia personale opinione e forse è proprio questo che Avo Uvezian voleva ottenere da questo blend, relax e basta. Chissà…

Sul finire della parte centrale subentrano note di caramello e torba, mente la dolcezza speziata e mielata passa in sottofondo. Anche il pepe al naso che prima lavorava deciso si prende una pausa, lo avverto sempre ma ora lavora ai fianchi solo per irrobustire la fumata. È una transizione decisa e avvertibile che probabilmente fa da preambolo a un finale intenso e maschio.

Cercando in internet scopro che le recensioni sono pochissime e datate, mi chiedo sempre perché linee storiche come questa non godano mai dell’attenzione dei media. Va bene la novità che fa figo ma si dovrebbe anche dare la giusta visibilità anche a prodotti come questo.

Il finale stranamente è privo di pepe ma come immaginavo tonico e maschio. Spezie, pelle, tostato e caramello la fanno da padrone mentre il fumo si ispessisce e diviene denso lasciando sensazioni che permangono a lungo al palato.

Una gran bella fumata questo AVO Domain No.10 a cui manca solo la capacità di intrigare dei suoi fratelli figurado, ma del resto il formato è diverso e si presta ovviamente meno in tal senso.

Rep-Dominicana

Rep. Dominicana

IL VERDETTO - MOLTO BUONO (VERY GOOD)
  • Medium full

Ring Gauge

Pollici

MANIFATTURA - FACTORY

O.K. Cigars

FASCIA - WRAPPER

Ecuador Sun Grown Connecticut

SOTTOFASCIA - BINDER

Rep. Dominicana

RIPIENO - FILLER

Rep. Dominicana

Se ti è piaciuto questo post gentilmente condividilo utilizzando i pulsanti sottostanti. Condividere non è un’operazione da cervelloni dell’MIT, non ti porterà via troppo tempo, è sicuramente facile e non ti costa nulla ma certamente mi aiuterà a crescere.

If you enjoyed this post please share it using the buttons below. Sharing doesn’t require an MIT brain, it’s fast, easy and free but it help me to grow my audience.