310 milioni di unità importate è il mercato USA dei sigari premium

2014-USA-imports

Posted On 11/05/2015

Una delle domande più frequenti fra noi appassionati è quale sarà il paese produttore di sigari che più di ogni altro ne esporta e vende. Per la verità sono quasi sempre discussioni “empiriche”, primo perchè non siamo statisti secondo perchè spesso non abbiamo fra le mani dati freschi su cui ragionare e trarre valutazioni.

Come noi anche Cigar Aficionado deve porsi queste domande perchè da qualche anno, sulla sua pubblicazione digitale Cigar Insider, escono i dati di importazione (non di vendita) dei sigari sul mercato Americano. Non sono raccolti direttamente da loro ma da una fonte autorevole che è la Cigar Association of America, che raccoglie scrupolosamente i dati del mercato.

L’anno scorso analizzando quelli del 2013 predissi, basandomi sul trend di crescita percentuale del Nicaragua, che il 2014 sarebbe stato l’anno dell’inversione di tendenza. Niente più podio Dominicano ma della terra dei vulcani che tanto sta facendo parlare di sè in questi ultimi anni. Si è verificato? NO! del resto era solo una predizione…

2014imports_chart

Quello che immediatamente emerge è che i 310 milioni di sigari premium importati nel 2014 si discostano di così poco dal 2013 da poter definire le due annate sostanzialmente identiche. Curva piatta quindi e sebbene la Rep. Dominicana sia sempre in flessione negativa mantiene saldamente il  podio fra i paesi da cui importano.

Il trend strabiliante del Nicaragua si è arrestato, anzi è in leggero calo numerico, e la mia previsione di scavallamento della Rep. Dominicana con conseguente conquista del podio non si è infatti verificata. Ovviamente non sono dati assoluti e nemmeno world-wide ma gli USA sono una sorta di “cartina di tornasole” essendo il più grosso mercato di riferimento. Distaccato al terzo posto l’Honduras vede una leggerissima crescita nelle esportazioni, al di sotto del punto percentuale.

Dallo specchietto mostrato non si evince però l’incredibile risultato del Nicaragua che ricordo nel 1996 vedeva un totale intorno ai 16 milioni di sigari, vicino alla Giamaica con 15,5 milioni ed il Messico con 14,5 milioni. Di strada ne è stata fatta ed il suo primato di paese di spicco nel mondo del tabacco non gli deve essere tolto.

Nei prossimi anni sarei inoltre curioso di vedere, se l’embargo con Cuba cadesse, quale fetta di mercato i sigari Cubani riuscirebbero ad accaparrarsi…ma questa è un’altra storia.

 

Written by Andrea Zambiasi

Facciamo Puff nasce per dare voce ad una passione che oramai coltivo da molto tempo, quella dei sigari. Non mi considero un esperto di sigari (etichetta che odio) ma un consumatore "attento" a cui piace condividere le sue esperienze emozionali con altri consumatori.

Related Posts

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Cigar & Tobacco Festival – Quarta edizione

Dal 25 al 27 settembre come ormai da tradizione anche quest’anno, presso Villa Magherini Graziani, a San Giustino (PG) torna il festival dedicato al tabacco, il “Cigar&Tobacco Festival”. Ci aspetta un viaggio fra aromi, essenze e spezie che vedranno come grande...

Generazione Robusto

Generazione Robusto

Sempre più spesso mi viene chiesto perché un “particolare” formato di sigaro viene dismesso o perché non viene più prodotto. Insomma mi viene chiesto se vi siano ragioni oggettive dietro tali azioni o scelte. Scopriamole…

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pin It on Pinterest

Share This